Buitoni, ritirati alcuni lotti di pizza surgelata

Sono stati ritirati dal mercato alcuni lotti di pizze surgelate ‘Le Creazioni di Casa Buitoni’, quelli da consumarsi preferibilmente fra giugno e novembre 2013. “Tutte le altre referenze di pizza surgelata Buitoni vendute in Italia sono assolutamente sicure per il consumo”, ha sottolineato l’azienda.

Lo ha deciso la Nestlè Italia dopo il ritiro volontario a scopo cautelativo deciso dalla capogruppo per tutti i lotti di 2 varietà di pizza surgelata prodotte in Germania.

“La Nestlè italiana – sostiene la società – pur non avendo ricevuto simili reclami, e non avendo altre evidenze al riguardo, ha comunque ritenuto anch’essa di procedere al ritiro precauzionale dei lotti delle varietà che hanno interessato il mercato italiano”.

Nel caso della Germania erano giunti due reclami da parte dei consumatori tedeschi riguardo la presenza di piccoli corpi estranei di natura metallica, ha spiegato una nota del gruppo alimentare.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su