Le proprietà della Boswellia (Boswellia serrata)

Famiglia: Burseraceae
Habitat: Originaria delle regioni subtropicali dell’Africa e dell’Arabia saudita
Etimologia: Il nome deriva dal suo scopritore Boswell
Parte usata: La resina
Attività principale: artrite, artrosi, artrite reumatoide; stati infiammatori associati ad asma; colite

Possibilità di impiego

Prof. Pier Paolo Mussa – Università di Torino
Nella medicina popolare, l’estratto di Boswellia serrata è descritto come un rimedio dotato di potente attività antiinfiammatoria e con proprietà antiartritiche. Queste proprietà sono state ampiamente confermate in tempi più recenti da numerosi studi. La Boswellia possiede anche una buona azione antidolorifica e antipiterica“.

Prestare attenzione nei soggetti asmatici, in quanto l’effetto antiflogistico della gommoresina potrebbe addizionarsi a quello esercitato da una classe di farmaci detti “inibitori dei leucotrieni”, come il Montelukast e il Zafirlukast.

L’uso è controindicato in gravidanza, per rischio aborto.

Posologia

Secondo la Medicina Ayurveda, si possono assumere fino a 2-3 grammi/die di gommoresina.

Per quanto riguarda gli estratti secchi generalmente presenti nelel capsule:

– Estratto secco titolato in acidi boswellici min. 65%: 1 capsula 1-3 volte al giorno.

– Estratto secco titolato al 37,5% in acidi boswellici: 900-1200 mg/die.

Ai corretti dosaggi, la Boswellia può essere utilizzata:

Osteoartriti, bursiti, artriti (studi nell’uomo)
In seguito a trattamento con Boswellia si possono osservare diversi benefici: riduzione del gonfiore articolare, aumento della mobilità, miglioramento della qualità di vita nelle patologie osteartritiche.

È stato pubblicato uno studio condotto in doppio cieco controllato riguardante soggetti sofferenti di artrosi al ginocchio: l’estratto di boswellia si è dimostrato significativamente più efficace del placebo nel ridurre il dolore, migliorare la mobilità del ginocchio e nell’aumentare la distanza di marcia (con una posologia di 100/250 mg/die) [Kimmatkar et al.].

Stati infiammatori (studi sui topi)
Gli acidi boswellici ostacolano il funzionamento di un enzima capace di stimolare la produzione di sostanze che facilitano i processi infiammatori. Inoltre, sono in grado di inibire le elastasi, enzimi fortemente distruttivi che attaccano e distruggono il tessuto elastico dei tessuti nei quali è in corso un processo infiammatorio. (studi in vitro)
Solo i principi attivi farmacologici hanno proprietà antinfiammatorie più potenti di quelel degli acidi boswellici. (studi in topi e ratti)
Si ipotizza che gli acidi boswellici intervengano nel sito dell’infiammazione inibendo la proliferazione dei tessuti e la distruzione del tessuto connettivo. Questo meccanismo specifico rende la Boswellia un’efficace alternativa alle molecole sintetiche nei trattamenti antinfiammatori, soprattutto se prolungati, o negli stati cronici, per l’assenza di effetti collaterali. (studi in topi e ratti)

Effetti positivi nel cane
Uno studio condotto su 24 cani che soffrivano di osteoartrite alle giunture o alla spina dorsale, trattati con un estratto di Boswellia al 50% di acidi terpenici alla dose di 400 mg/10 kg p.v./die per 6 settimane, ha evidenziato una buona o ottima riuscita nel 70% dei casi a 2-6 settimane di trattamento.

Bibliografia

Campanini, E. Dizionario di fitoterapia e piante medicinali. Tecniche Nuove.
Capasso, F., Grandolini, G., Izzo, A. Fitoterapia. Impiego razionale delle droghe vegetali. Springer.
Kimmatkar, N., Thawani, V., Hingorani, L., & Khiyani, R. (2003). Efficacy and tolerability of Boswellia serrata extract in treatment of osteoarthritis of knee–a randomized double blind placebo controlled trial. Phytomedicine, 10(1), 3-7.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su