Da anni con i conti in rosso: McDonald’s chiude i battenti in Bolivia

A causa della scarsissima clientela, in Bolivia McDonald’s chiude i battenti. Vane si sono rivelate le campagne pubblicitarie: la Bolivia è così il primo Paese al mondo in cui l’azienda McDonald’s chiude per avere il bilancio in rosso da oltre un decennio.

La catena statunitense è finita più volte sotto accusa per i possibili danni alla salute provocati dai prodotti alimentari commercializzati nonché per l’impatto negativo che i metodi di produzione dell’azienda avrebbero sull’ambiente.

La Corte Suprema della California ha condannato McDonald’s a pagare una multa di 8.5 milioni di dollari per i problemi salutari causati dall’uso di grassi insaturi nelle fritture.

Un’inchiesta di Greenpeace, “Contrabbandare gli OGM di nascosto”, ha rivelato inoltre l’utilizzo di Organismi Modificati Geneticamente nei McNugget’s, che farebbero risalire ai laboratori della famigerata Monsanto USA.

L’associazione ambientalista ha inoltre denunciato il coinvolgimento di McDonald’s nella distruzione delle foreste pluviali dell’Amazzonia. “McDonald’s sta distruggendo l’Amazzonia per vendere carne a basso prezzo”, ha denunciato Gavin Edwards, responsabile di Campagna Foreste: “Ogni volta che qualcuno mangia un Chicken McNugget potrebbe mordere un pezzetto di Amazzonia”.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su