Bisfenolo-A in gravidanza, quali rischi?

Allarme per le future mamme che consumano cibi in contenitori di plastica. Ad essere sotto accusa è il bisfenolo-A (Bpa), sostanza chimica comunemente contenuta in pacchetti, incartamenti e scatolette, già nota per la sua tossicità.

L’allarme arriva dagli Stati Uniti: secondo uno studio presentato a Boston in occasione della conferenza annuale dell”American Society for reproductive Medicine’ (Asrm), alte concentrazioni della molecola tossica nel sangue della donna incinta accrescono il rischio di aborto dell’80%. Perché la molecola entri in circolazione è sufficiente il contatto con il materiale incriminato. Per chi è in gravidanza, dunque, bollino rosso sui cibi preconfezionati e sulle bottiglie di plastica dimenticate al sole.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su