Bisfenolo A, cibi prima fonte di esposizione

“Gli esperti scientifici dell’Efsa hanno concluso in via provvisoria che, per tutti i gruppi di popolazione, la dieta costituisce la principale fonte di esposizione al bisfenolo A (Bpa) e i livelli di esposizione sono inferiori a quanto stimato in precedenza dall’Efsa”. A riferirlo è una nota dell’Autorità europea per la sicurezza alimentare che, a proposito del distruttore endocrino, ricorda: “Il Bpa è un composto chimico utilizzato nei materiali a contatto con gli alimenti come gli imballaggi, ma presente anche in altri prodotti di consumo”.

“Questa valutazione – prosegue l’Efsa – rappresenta la prima revisione dell’esposizione al Bpa condotta dall’Autorità dal 2006 e riguarda sia le fonti alimentari sia quelle non alimentari, comprese la carta termica e le fonti ambientali come aria e polvere. I nuovi dati hanno determinato un notevole miglioramento delle stime di esposizione rispetto al 2006.

Per i neonati e i bambini piccoli (tra i 6 mesi e i 3 anni) si stima che l’esposizione media tramite la dieta sia di circa 375 nanogrammi per chilogrammo di peso corporeo al giorno (ng/kg di peso corporeo/giorno), mentre per la popolazione al di sopra dei 18 anni (comprese le donne in età fertile) essa raggiunge un valore di 132 ng/kg di peso corporeo/giorno. Un confronto dimostra che queste stime corrispondono a una percentuale inferiore all’1% dell’attuale dose giornaliera tollerabile per il Bpa (0,05 milligrammi/kg di peso corporeo/giorno) stabilita dall’Efsa nel 2006″.

“Per tutti i gruppi di popolazione al di sopra dei tre anni, la carta termica si è rivelata la seconda fonte principale di Bpa dopo la dieta: può rappresentare fino al 15 % dell’esposizione totale in alcuni gruppi di popolazione. Tra i vari risultati chiave, gli esperti scientifici hanno constatato che l’esposizione al Bpa tramite la dieta raggiunge i livelli massimi nei bambini tra i 3 e i 10 anni (a causa del loro maggiore consumo alimentare in base al peso corporeo). Gli alimenti in scatola, insieme alla carne e ai prodotti a base di carne non in scatola, sono stati individuati quali principali responsabili dell’esposizione al Bpa tramite la dieta per tutti i gruppi di età. Per ottenere tali stime, gli esperti scientifici dell’Efsa hanno applicato due approcci: il modellamento dell’esposizione e l’analisi dei dati di biomonitoraggio umano partendo da campioni di urina”.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su