Bimbi in auto: poco usato il seggiolino di sicurezza

Il nostro Paese è ai primi posti nella classifica di incidenti mortali che coinvolgono i bambini tra i 5 e i 14 anni. Lo rivela un’indagine realizzata da Quintegia e Sicurauto.it nell’ambito della campagna europea BimbiSicuramente che ha l’obiettivo di sensibilizzare i genitori sull’uso del seggiolino in auto per i più piccoli.

“Eppure con il corretto utilizzo dei seggiolini si riducono del 70% le probabilità di decesso e dell’80% il rischio di lesioni gravi in caso di incidente”, ha spiegato Elisa Giachelle, responsabile del progetto.

Nelle 7 città oggetto della ricerca, soltanto il 43% degli automobilisti ha dichiarato di osservare l’obbligo per i più piccoli (rispetto al 2010 l’aumento è del 6%), con le mamme più attente (49%) dei papà (37%).

La maglia nera spetta a Napoli, con quasi l’80% dei conducenti che non utilizza il seggiolino; le città più virtuose sono invece Mestre (con oltre 6 automobilisti su 10 che osservano attentamente le regole della sicurezza) e Torino.

Maggiormente a rischio sono le aree urbane, con il 67% del totale degli incidenti registrati nei centri abitati nei primi 9 mesi del 2011 (42% sul totale dei decessi e il 66% dei feriti). Seguono statali e provinciali e la rete autostradale. Tra le vittime, il maggior numero è nella fascia d’età 0-5 anni con il 56% dei decessi, segue la fascia 6-10 anni (29%).

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su