Forlì: bimba rischia di soffocare con una mandorla

A Forlì una bimba di 23 mesi stava per soffocare dove aver inghiottito una mandorla. La piccola è stata salvata dal pronto intervento dell’equipe del dottor Venerino Poletti, responsabile della Pneumologia dell’ospedale di Forlì. “Le sue condizioni sono buone e già nelle prossime ore potrà tornare a casa — spiega il responsabile della Pneumologia forlivese —. In questo caso individuare il problema è stato più facile visto che i genitori erano presenti mentre la bambini mangiava la mandorla e subito si sono accorti del problema”. Si tratta del secondo caso a distanza di 24 ore, dopo che un’altra bimba di Rimini ha rischiato la vita con un pistacchio. E non si tratta di casi isolati.

Dall’inizio dell’anno abbiamo registrato oltre dieci i casi di questo tipo”, riferisce il dottor Poletti.

Sembra una coincidenza, ma in realtà il fenomeno è più frequente di quanto si possa immaginare ha commentato Poletti – La nostra unità operativa che copre tutta la Romagna in questi anni ha registrato una casistica importante: come detto solo nel 2011 sono oltre i dieci casi in bimbi con meno di cinque anni. In Inghilterra, paese che ha poco meno degli abitanti italiani, fra il 2008 e il 2009 ha registrato 300 casi fra gli under 14”.

I bambini fino ai cinque anni hanno la tendenza a mettersi in bocca tutto quello che trovano e si espongono a rischi maggiori — ha spiegato il dottor Poletti — E poi dobbiamo considerare che hanno meno coordinazione all’altezza della laringe e quindi è più frequente che il cibo possa finire nei bronchi. Il consiglio che posso dare ai genitori è di non far mangiare ai propri figli cibo che potrebbe frantumarsi in pezzi sufficientemente grandi da provocare problemi come appunto mandorle e pistacchi”.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su