Le bibite gassate possono aumentare il rischio di cancro

Le bibite gassate possono aumentare il rischio di cancro. A lanciare l’allarme è uno studio condotto dai ricercatori del John Hopkins Center for a Livable Future di Baltimora dal quale emerge che l’equivalente di una lattina di bevanda gassata zuccherata al giorno aumenta il rischio di ammalarsi di cancro. Ad essere sotto accusa è il 4-MEI (4metilimidazolo), residuo non voluto del processo di produzione dei caramelli a base di ammoniaca.

“I consumatori di bevande gassate sono esposti a un rischio di cancro evitabile e inutile a causa di un ingrediente che viene aggiunto semplicemente per fini estetici”, ha spiegato Keeve Nachman, uno degli autori dello studio.

La Food and Drug Administration non limita la quantità di 4-MEI nel cibo e nelle bevande, perché, secondo gli esperti, non lo si può eliminare del tutto. Le aziende, tuttavia, potrebbero essere in grado di ridurre la quantità di questo agente e proprio per questo i ricercatori hanno invitato la Fda a stabilire livelli massimi per il 4-MEI nelle bevande.

In Europa già tre anni fa, L’Efsa, l’Autorità europea per la sicurezza alimentare, diffuse una valutazione scientifica proprio sui coloranti sintetici a base di ammoniaca, che sono di quattro tipi: l’E 150 d, l’E150 c, l’E150 a (classe I) e il solfito-caustico E150 b. L’Efsa stabilì quindi per la prima volta una dose giornaliera accettabile (Dga) di gruppo (applicabile cioè a tutti e quattro i tipi di coloranti utilizzati dall’industria alimentare), pari a 0,3 g per Kg di peso corporeo al giorno per tutti, adulti e bambini.

Secondo gli esperti si tratta di un limite che può essere superato facilmente, soprattutto se si considera che una serie di prodotti largamente consumati dai bambini (bibite gassate, gelati, prodotti da forno e caramelle) possono contenere fino a 5 g di questo colorante per ogni chilo di prodotto.

In Italia, l’industria delle bevande analcoliche non impiega l’E 150 c, ma fa un uso comunque dell’E150 d.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su