Biberon con bisfenolo A: divieto anche negli Usa

La Food and drug administration (Fda) ha deciso di vietare l’uso del bisfenolo A (Bpa) nella produzione di biberon e bicchieri con il beccuccio per i bambini.

Secondo quanto riferito dal New York Times la FDA ha praticamente formalizzato quello che è già un dato di fatto, perché da tempo le aziende hanno sostituito la plastica tradizionale con altre prive di BPA.

Le associazioni dei consumatori, come il Natural resources defense council (Nrdc), hanno a lungo lottato per questo divieto. “Questo è solo un piccolo passo nella lotta per eliminare il Bpa – ha sostenuto Sarah Janssen, medico e ricercatore Nrdc senior in un comunicato stampa.
“Questa timida azione è inadeguata e l’Fda continua a schivare le domande più grandi di sicurezza di Bpa”.

A lasciare perplessi non è però soltanto il comportamento della FDA. Anche l’Unione Europea, per ora, ha vietato soltanto l’impiego dei policarbonati con BPA nei biberon, ma non negli altri contenitori per alimenti, e l’EFSA, nel 2011, ha ribadito che il BPA non comporta rischi, e rinviato una possibile revisione dei valori di riferimento a fine 2012.

In Italia la vendita dei biberon in policarbonato/plastica contenentibisfenolo A (BPA) è vietata a partire dal 1 giugno 2011.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su