Biberon con bisfenolo A: divieto di commercializzazione dal 1 giugno

Stop alla vendita dei biberon in policarbonato/plastica contenenti bisfenolo A (BPA)  a partire dal 1°giugno 2011. La Commissione europea con una direttiva pubblicata il 28 gennaio scorso ha infatti stabilito il divieto di produzione di biberon in policarbonato contenenti bisfenolo A a partire dal 1 marzo 2011 e il divieto di importazione e commercializzazione dal 1 giugno dello stesso anno.

La direttiva è stata accompagnata dalla raccomandazione della Commissione europea ai genitori di preferire i biberon in vetro. La Commissione Europea ha tenuto conto delle rilevazioni della European Food Safety del 2006, secondo cui “i neonati tra i 3 e i 6 mesi di vita alimentati con biberon in policarbonato/plastica hanno la più alta esposizione al BPA”, che diminuisce con la crescita a mano a mano che si abbandona l’utilizzo del biberon.

Nella sua direttiva la Commissione Europea fa riferimento al vetro “come materiale alternativo al policarbonato” in quanto non contiene BPA ed è sicuro per la salute umana dal momento che deve sottostare alle richieste molto stringenti disposte per i materiali che entrano a contatto con gli alimenti.

Il bisfenolo A è usato nella produzione del policarbonato, un tipo di plastica molto utilizzato per gli imballaggi dell’industria alimentare: dai biberon alle stoviglie, dalle bottiglie al rivestimento interno delle lattine.

Alcuni studi effettuati su questa sostanza hanno rilevato come il bpa abbia effetti molto pericolosi: interferendo con il nostro sistema ormonale (si comporterebbe, di fatto, come un estrogeno), il bpa può dare problemi neurologici, accelerare la pubertà, e anche comportare un aumento dei tumori al seno e alla prostata.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su