Le bevande zuccherate causano 184.000 morti ogni anno

Le bevande zuccherate (dalle bevande analcoliche ai frullati di frutta) provocano ogni anno nel mondo 184 mila decessi tra gli adulti. È questa la stima che emerge da uno studio da uno studio condotto da un team internazionale di ricercatori degli atenei Usa di Harvard, Tufts e Washington e dell’Imperial College di Londra nel Regno Unito e appena pubblicato su Circulation.  Il dato è frutto della somma di circa 133 mila decessi ogni anno per il diabete, 45 mila morti per malattie cardiache e 6.450 per tumore.

“Molti paesi del mondo – afferma Dariush Mozaffarian, tra gli autori dello studio e preside della Scuola di Nutrizione Friedman presso la Tufts University di Boston – hanno un numero significativo di decessi che si verificano a causa di un singolo fattore dietetico: le bevande zuccherate. Dovrebbe essere una priorità globale quella di ridurre sostanzialmente o eliminare le bevande zuccherate dalla dieta”.

Lo studio ha preso in considerazione 62 lavori scientifici sull’alimentazione che hanno incluso più di 611 mila persone, condotti tra il 1980 e il 2010 in 51 Paesi. Una fotografia che rappresenta quasi i due terzi della popolazione adulta del mondo. La maggior parte delle vittime ha un’età compresa tra i 20 e i 44 anni. In cima ai tassi di mortalità c’è il Messico, con 404,5 decessi ogni milione di adulti.

“I risultati – riferiscono gli esperti – indicano la necessità di sforzi concentrati sulla popolazione per ridurre il consumo delle bevande zuccherate in tutto il mondo, attraverso politiche sanitarie efficaci e interventi mirati diretti ad arginare le malattie correlate all’obesità”.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su