New York: bandite le bibite ‘giganti’

No alle maxi-bibite. Per combattere l’obesità, New York ha approvato il primo bando alle bibite zuccherate misura gigante.
Con otto voti favorevoli, zero contrari ed un astenuto, la commissione medica nominata dal sindaco ha messo fuori legge le bibite zuccherate dalla capacità superiore alle 16 once (circa mezzo litro) in tutti i punti vendita esclusi le drogherie e i supermercati. Il bando riguarderà quindi le bibite vendute nei ristoranti, ma non quelle dei supermercati, mentre i fast food che permettono di riempire il bicchiere a volontà continueranno a farlo, ma facendo usare ai clienti bicchieri non più grandi di 470 millilitri.

La violazione del divieto, che non include le bibite dietetiche, comporterà una multa di $200.
Dal 1980 ad oggi la ‘dose’ standard delle bibite vendute negli Usa è passata da 354 a 591 millilitri, avvertono gli esperti, una quantita’ che contiene piu’ calorie di un hamburger ma che non produce nessun effetto di sazietà nel corpo. Nei fast food di New York ormai una bibita da mezzo litro  è considerata ‘small’.

“Questo è il più grande singolo fattore che contribuisce all’epidemia di obesità – ha spiegato l’Health Commissioner della città Thomas Farley – è la fonte maggiore di zuccheri della dieta. Una persona che beve una bibita al giorno, come fa metà degli abitanti del Bronx, scegliendo quella da 470 millilitri invece che da 591 risparmierebbe 14.600 calorie l’anno, abbastanza da evitare di crescere di 1,8 chilogrammi”.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su