Bambini vittime della strada: 2011 un anno drammatico

52 morti e 425 feriti su un totale di 379 incidenti. Questi i drammatici numeri che riguardano i bambini vittime di incidenti stradali nei primi nove mesi del 2011. In particolare nel terzo trimestre dell’anno si segnalano 21 decessi. A rendere noti questi dati è l’osservatorio dell’Asaps, l’associazione degli amici della polizia stradale.

Delle 52 giovanissime vittime (29 maschi e 23 femmine) ben 38, pari al 73%, erano trasportate a bordo dei veicoli, due viaggiavano in bici, uno a bordo di uno scooter e ben 11 sono stati vittime di investimenti. Si ripropone così il tema del fissaggio dei nostri piccoli sui seggiolini: non si conosce il dato di quante fra queste 38 vittime fossero regolarmente allacciate, anche se probabilmente una percentuale significativa non era trasportata a norma.

Le aree più pericolose per i minori si confermano quelle zone urbane: 254 incidenti (67%) sono avvenuti nei centri abitati, con 22 morti (42%) e 280 feriti (66%). Sulle statali e provinciali gli incidenti sono stati 81, con 16 morti (31%) e 96 feriti (23%). Trenta invece gli episodi sulla rete autostradale, con 11 decessi (21%) e 34 feriti (8%).

Tra le regioni con il più alto numero di vittime la Lombardia con 10 vittime, seguita dalla Sicilia con 9 (in 3 incidenti sono morti due bimbi in ogni sinistro),  il Lazio con 6 e il  Veneto, la Campania e la Calabria con 4.

“Non ci stancheremo mai di ricordare – ha affermato il presidente dell’Asaps, Giordano Biserni – “che ogni volta che un bambino perde la vita sulla strada la colpa non è mai la sua, ma sempre di un adulto che non ha rispettato le regole (velocità, alcol, uso dei seggiolini) o di un adulto che non lo ha vigilato”.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su