Bambini esposti al piombo: quali effetti sul cervello?

Chi da bambino è stato esposto a livelli elevati di piombo, in età adulta potrebbe avere un quoziente intellettivo più basso rispetto alle sue effettive potenzialità. È quanto emerge da uno studio americano pubblicato su JAMA e condotto da Aaron Reuben e colleghi della Duke University di Durham (USA).

“Il piombo è tossico per molti organi – ha precisato Aaron Reuben, psicologo clinico alla Duke University e primo autore dello studio – In particolare si accumula nel sangue e, passando attraverso la barriera ematoencefalica, raggiunge il cervello e ne compromette lo sviluppo”.

Gli studiosi sono giunti a tale conclusione prendendo in considerazione i dati delle funzioni cognitive, del QI e dello stato sociale ed economico di 565 adulti residenti a Dunedin, in Nuova Zelanda, quando avevano 38 anni e i risultati degli esami del sangue per il piombo, eseguiti da bambini. Durante l’infanzia le concentrazioni ematiche di piombo variava da 4 a 31 ug/dl. I partecipanti allo studio presentavano livelli di piombo ematici mediamente più che doppi rispetto a quando, nel 1980, avevano 11 anni di età: 10.99 ug/dl.

Ogni 5 ug/dl di aumento dei livelli di piombo ematico nei primi anni di vita è stato associato ad un QI di 1,61 punti inferiore all’età di 38 anni. È stata inoltre riscontrata una riduzione del ragionamento percettivo e della memoria esecutiva.

Dallo studio non sono emerse differenze nell’esposizione al piombo rispetto allo status socio-economico e questo metallo è stato trovato sia nei bambini di famiglie povere sia in quelli di famiglie benestanti. Gli individui che hanno partecipato allo studio con livelli di piombo ematici superiori a 10 ug/dl avevano in media i punteggi dei test per il QI da adulti di 4,25 punti inferiori rispetto ai coetanei con livelli di piombo ematici più bassi.

“Queste evidenze suggeriscono quanto meno che le persone non recuperano completamente le lesioni cognitive legate al piombo avvenute durante l’infanzia – afferma l’autore della ricerca, Aaron Reuben della Duke University di Durham in Carolina del Sud – Inoltre lo studio suggerisce che il piombo esercita una riduzione delle capacità cognitive dell’individuo indipendentemente da quando inizia a entrare in contatto con il metallo”.

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, non c’è alcun livello di esposizione sicuro al piombo e le concentrazioni di questo metallo nel sangue, a partire da 5 ug/dl, possono ridurre il quoziente intellettivo.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su