Estate: come difendere i bambini da infezioni e ustioni

Temperature elevate, radiazioni solari, insetti, agenti infettivi e irritanti: questi fattori durante il periodo estivo possono costituire un problema per la pelle dei nostri bambini e provocare ustioni, dermatiti, micosi e altre infezioni. Ecco perché la Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale (SIPPS) ha messo a punto un vademecum.

Come ha spiegato Angelo Milazzo, della segreteria Sipps Sicilia, in caso di eritema con formazione di bolle bisogna applicare impacchi di acqua fresca o tiepida per alleviare il dolore. Successivamente è bene utilizzare creme emollienti ed idratanti. Se l’infiammazione della pelle è notevole, vanno applicate creme contenenti idrocortisone allo 0.5%.

Oltre alle radiazioni solari anche le temperature elevate rappresentano un pericolo per i bambini e possono causare sudamina, una reazione della pelle che, in seguito all’eccessivo calore, non riesce a traspirare correttamente. Si manifesta con micro-vescicolette con bollicine trasparenti, soprattutto nelle zone dove il bambino presenta una maggiore sudorazione. È dunque necessario: spostare il bambino in un ambiente fresco, evitando di portarlo al mare nelle ore più calde della giornata; fargli un bagnetto rinfrescante, anche più volte al giorno, con acqua tiepida; stendere sulla pelle un leggero velo di crema idratante o un talco.

Un’altra potenziale minaccia per il benessere dei bambini è costituita dalle zanzare che possono essere vettori di agenti infettivi. È utile quindi:
– non generare ristagni d’acqua; sottovasi per piante e fiori, bacinelle, annaffiatoi, raccoglitori d’acqua, vasche, laghetti e fontane ornamentali: qui le zanzare depositano le uova e si riproducono;
– mettere zanzariere alle finestre o sui lettini dei bambini e utilizzare fornelletti o zampironi
– usare i repellenti da applicare solo sulle parti scoperte del corpo e non sotto i vestiti. Attenzione: non utilizzare repellenti contenenti DEET sui bambini al di sotto dei 6 mesi d’età; fino ai 12 anni utilizzare prodotti contenente DEET non superiore al 10%.

Un altro nemico per i più piccoli sono i batteri che possono approfittare delle particolari condizioni offerte dall’estate dove sudore, caldo umido, piscine o docce diventato terreno fertile per l’aggressione di questi microrganismi.

“I bambini possono essere colpiti dall’impetigine – ha spiegato Milazzo – un’infezione cutanea di natura batterica favorita dall’aumento della sudorazione e dal fatto di essere meno coperti dai vestiti. Quando si verifica bisogna rivolgersi al pediatria o ad un medico generico che la tratterà con antibiotici topici, ma andranno evitati i contatti per un paio di giorni dall’inizio della cura”.

Funghi e miceti
, poi, sono responsabili di lesioni superficiali della cute o delle mucose. “Una tra le più comuni in estate è la dermatofizia – sottolinea l’esperto – una micosi superficiale causata in genere da due agenti fungini del genere Trichophyton: T. rubrum e T. interdigitalis. Si localizza soprattutto sotto la pianta dei piedi e spesso provoca un prurito molto fastidioso. Per questi tipi di infezioni fungine, il trattamento è localizzato ed è basato su antimicotici topici”.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su