Bambini: qual è la giusta merenda?

La merenda rappresenta una pausa importante, in particolare per i bambini, ma spesso sottovalutata. È quanto emerge da un nuovo studio promosso da “Polli Cooking Lab”, l’Osservatorio sulle tendenze alimentari dell’omonima azienda toscana secondo cui troppo spesso i più piccoli mangiano  a merenda cibi poco salutari, ricchi di grassi e conservanti.

“Una buona merenda pomeridiana, unita allo spuntino di metà mattinata, permettono infatti di frazionare la soluzione di cibo in 5 pasti giornalieri, così da dare al bambino, soprattutto nella fase di crescita, un rifornimento energetico e dei vari nutrienti distribuito in maniera modulata per tutta la giornata, evitando un sovraccarico a pranzo e a cena.” – spiega il Prof. e Nutrizionista Andrea Strata – “Naturalmente, da evitare cibi di difficili digestione e tenere sott’occhio quella che si chiama la conservabilità della merenda, prediligendo magari dei prodotti inscatolati da trasportare sempre con cura per mantenere delle perfette condizioni igieniche. La merenda deve contenere tutti e tre i componenti nutrienti – proteine, grassi e, soprattutto carboidrati”.

Il segreto per far consumare un pasto sano ai bambini è quello di proporlo in varianti colorate e facili da mangiare. Tra gli alimenti salati consigliati vi sono verdure e insalata, sottoli-sottaceti e salumi e formaggi. Per la merenda dolce gli alimenti suggeriti sono yogurt, crostate, frullato di frutta e cioccolato fondente.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su