Bambini esposti al fumo passivo: quali danni?

I figli dei genitori fumatori soffrono più degli altri. A confermarlo è uno studio presentato al congresso dell’American Academy of Pediatrics, in corso in questi giorni a Baltimora (USA), e condotto dal National Center for Health Statistics dei CDC.

Lo studio ha valutato con quale frequenza su scala nazionale negli anni 2011-2012 bambini e adolescenti (range d’età dall’epoca neonatale si 17 anni), figli di fumatori o meno, avevano fatto ricorso a visite ambulatoriali o a ricoveri in ospedale, utilizzando i dati della National Survey on Children’s Health.

I dati raccolti hanno evidenziato che il 24% del campione esaminato dallo studio, (95.677 bambini e adolescenti), estrapolabile ad un numero assoluto di 17,6 milioni di soggetti su scala nazionale, vivono esposti al fumo dei genitori e che il 5% dei bambini (3,6 milioni negli Usa) vive esposti al fumo di qualcuno che vive in casa con loro.

Dallo studio emerge dunque che i bambini che vivono in una casa abitata da fumatori devono ricorrere molto più frequentemente degli altri a visite e cure mediche.

“I nostri risultati – conclude Asley Merianos, School of Human Services, Università di Cincinnati – dimostrano che l’esposizione al fumo di sigaretta determina un significativo impatto sull’utilizzo di risorse sanitarie.

I contesti frequentati da bambini con problemi legati all’esposizione al fumo di sigaretta, comprese le sale d’aspetto del pronto soccorso, potrebbero rappresentare luoghi nei quali veicolare efficacemente messaggi che informino i genitori, su quanto sia pericoloso far respirare ai figli il proprio fumo. Nella speranza che come ricaduta finale, questi messaggi servano a ridurre la necessità delle visite mediche dovute al fumo passivo e ai costi che ne conseguono”.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su