Bambini e adolescenti: diminuiscono le ore di sonno notturno

I bambini non dormono più come facevano un secolo fa: se nel 1897 dormivano poco più di 10 ore e 20 minuti a notte, al giorno d’oggi il riposo complessivo si è ridotto a 9 ore e 10 minuti. A rivelarlo è uno studio condotto da tre ricercatrici australiane che hanno analizzato 218 studi clinici su bambini e sonno dal 1897 al 2009.

Le studiose guidate da Lisa Matricciani hanno consultato gli archivi medici di tutti gli studi relativi a sonno e bambini (ore consigliate, disturbi più diffusi, durata effettiva del riposo) e sono giunte alla conclusione che il ‘sonno perduto’ dei bambini è ricollegabile alla sovra-stimolazione tecnologica: tv, videogames e social network.

Ad aver ridotto le ore di sonno sono stati in particolare i bambini di Europa continentale, Stati Uniti e Canada. Mentre Australia, Gran Bretagna e Scandinavia hanno aumentato il tempo dedicato al sonno. A ridurre le ore di sonno sono in particolare gli adolescenti (91 minuti in meno tra 16 e 18 anni).

“Un bambino dovrebbe svegliarsi da solo al mattino. Se non lo fa, occorre mandarlo a letto prima”, spiegano le ricercatrici. Dormire poco, infatti, rende i bambini irritabili, impedisce loro di concentrarsi a scuola e imparare, ha effetti negativi sulla bravura negli sport e indebolisce il sistema immunitario. Si è anche scoperto che la mancanza di sonno innesca anche un gioco di ormoni responsabile di aumento dell’appetito e obesità.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su