Bambini: a 2 anni devono utilizzare almeno 25 parole

‘Mamma’, ‘papa”, ‘latte’, ‘cane’ e ‘biscotto’: queste alcune delle 25 parole secondo un gruppo di scienziati americani ogni bimbo dovrebbe utilizzare all’età di due anni. I risultati della ricerca, intitolata Language Development Survey, sono stati presentati al meeting annuale dell’American Association for the Advancement of Science tenutosi a Vancouver.

L’elenco, in realtà, è molto più lungo: 350 sono le parole che dovrebbero far parte del vocabolario di un bambino, ma 25 è il numero minimo che il piccolo ‘deve conoscere’. La lentezza con cui un bambino impara queste parole può essere infatti indice di problemi più seri, come l’autismo e la sordità. Secondo gli esperti il campanello d’allarme dovrebbe suonare già quando il bambino usa solo 50 o meno parole. Dalla ricerca è infatti emerso che il bambino medio conosce 150 parole, ma punteggi che vanno da 75 a 225 sono da considerarsi normali.

“Se il bambino – ha spiegato Leslie Rescorla, che ha progettato l’elenco – non utilizza la maggior parte di queste parole entro i 24 mesi probabilmente impara a parlare tardi”.

Attenzione, comunque, a non farsi prendere dal panico. Gli stessi scienziati hanno riferito che ci sono abili oratori che però hanno imparato a parlare tardi da piccoli.  Se il bambino presenta grosse difficoltà a due anni mezzo d’età, gli scienziati consigliano una terapia del linguaggio che non dovrebbe essere rimandata oltre i 3 anni d’età. Fino al 20 per cento dei bambini di 2 anni sono rimasti indietro nell’imparare a parlare rispetto ai coetanei. Di questi, quasi la metà è suscettibile di uno sviluppo tardivo che sarà recuperato un po’ più avanti. In altri casi, però, il bambino avrà problemi anche in seguito.

Secondo gli scienziati la tv o in generale i video che permettono l’ascolto di discorsi non possono sostituire l’attenzione dei genitori. Le interazioni reali con il bambino sono infatti particolarmente importanti quando si trova nella fase di imparare a ‘decifrare il codice’.

Secondo un’altra ricerca condotta presso l’Università della Pennsylvania dagli psicologi Elika Bergelson e Daniel Swingley i bambini già conoscono il significato di alcune parole comuni, a partire dall’età di 6 mesi in poi. “L’elemento sorprendente è che i bambini di quell’età non parlano, non camminano, non indicano con il dito – ha spiegato Bergelson – “Ma a quanto pare, sotto la superficie, stanno cercando di mettere assieme le cose del mondo e le parole che le indentificano”.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su