Farmaci: l’Avastin sarà a carico del Servizio sanitario nazionale

“La Commissione tecnico scientifica (Cts) dell’Aifa si è espressa a favore dell’inserimento di bevacizumab (Avastin) nell’elenco dei farmaci erogabili a totale carico del Servizio sanitario nazionale (Ssn), ai sensi della legge 648/96, per il trattamento della degenerazione maculare legata all’età”.

Lo ha comunicato in una nota l’Agenzia italiana del farmaco mettendo così la parola fine al caso Avastin-Lucentis iniziato qualche mese fa con una pesante multa da parte dell’Antitrust a Roche e Novartis, I due colossi farmaceutici produttori dei due medicinali, accusati di aver posto in essere un cartello volto a favorire l’uso del Lucentis, più costoso rispetto al più economico Avastin.

“Il parere della Cts dell’Aifa – ha spiegato l’Agenzia – è stato espresso alla luce delle richieste avanzate dalle Regioni Veneto ed Emilia Romagna per l’inserimento di bevacizumab nella lista della legge 648/96 (lista classica) per la degenerazione maculare legata all’età, visto il parere del Consiglio superiore di sanità in merito al profilo di sicurezza e di efficacia dei farmaci Avastin e Lucentis e la nuova regolamentazione sull’uso off-label dei farmaci.

La Cts ha accolto la richiesta per l’utilizzo del farmaco nell’indicazione non registrata, individuando all’unanimità una serie di condizioni indispensabili a tutela della salute dei pazienti”.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su