Antidolorifici: solo il 41% delle persone legge il foglietto illustrativo

Soltanto il 41% delle persone legge il foglietto illustrativo degli antidolorifici. Il restante 59%, pertanto, corre il rischio di fare un uso scorretto del farmaco e quindi si sviluppare disturbi, in particolare al fegato. È quanto emerge da uno studio condotto dai ricercatori della Northwestern University Feinberg School of Medicine di Chicago (Usa) e pubblicato sul Journal of Preventive Medicine.

La ricerca, condotta su 45 soggetti, ha dimostrato che soltanto il 41% di loro era abituato a leggere il ‘bugiardino’. Tutti gli altri, invece, erano convinti che gli antidolorifici esaminati nello studio, in quanto acquistabili senza obbligo di ricetta, non risultassero dannosi per la salute.

Al contrario, non conoscere le caratteristiche degli antidolorifici che si assumono, hanno spiegato i ricercatori, può portare all’assunzione di dosi eccessive che, a loro volta, possono essere responsabili di effetti anche gravi, come l’insorgenza di danni al fegato.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su