Antidepressivi in gravidanza: bambini a rischio ipertensione

Le donne che durante la gravidanza assumono antidepressivi come il Prozac e il Celexa corrono il rischio di avere un bambino con alta pressione sanguigna nei polmoni, con conseguente insorgenza di difficoltà respiratorie.

“I bambini nati da donne trattate in gravidanza con questa tipologia di antidepressivi – ha spiegato Helle Kieler, responsabile del Centro di Farmacoepidemiologia presso il Karolinska University Hospital di Stoccolma – hanno mostrato un rischio raddoppiato di avere bambini con ipertensione polmonare persistente”.

La malattia, piuttosto grave, è associata a insufficienza cardiaca. Le donne che assumono SSRI devono essere informate circa l’aumento del rischio, così come devono essere messe al corrente che l’ipertensione polmonare persistente è una malattia rara che colpisce meno di due neonati su 1.000.

“Se possibile, i medici dovrebbero considerare la sospensione del trattamento durante la gravidanza”, hanno detto i ricercatori. Gideon Koren, direttore del Programma ‘Motherisk’ presso il The Hospital for Sick Children dell’Universita’ di Toronto e autore di un editoriale che accompagna l’articolo, ha chiarito tuttavia che lo studio non prova che gli antidepressivi siano la causa dell’insorgenza dell’ipertensione polmonare persistente nei neonati. Sulla base di questi dati, ha detto, “non possiamo ancora concludere che l’uso di SSRI provoca l’ipertensione polmonare persistente in alcuni bambini”.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su