Gli antidepressivi aumentano il rischio di aborto

Una ricerca pubblicata dal Canadian Medical
Association Journal
afferma che prendere antidepressivi durante la
gravidanza aumenterebbe il rischio di aborto spontaneo di più di due
terzi
, nei casi estremi, quando ci si trova di fronte all’assunzione
di un mix di antidepressivi la probabilità raddoppia.

Lo studio dell’università di Montreal ha analizzato le condizioni di
5.124 donne che avevano avuto un aborto spontaneo, verificando
l’associazione tra questo e l’assunzione di due inibitori della
serotonina: la paroxetina e la venlafaxina.

Le analisi hanno dimostrato che il rischio di aborto cresceva fino
al 68 per cento
se si assumeva un solo inibitore della ricaptazione
della serotonina, mentre aumentava del 100 per cento con
l’assunzione di più antidepressivi.

Spiega la dottoressa Anick Berard dell’Università di Montreal come
”Questi risultati, che suggeriscono un effetto di tutta la classe di
farmaci, sono significativi dato il numero di soggetti studiati. I
medici a cui viene richiesto un trattamento con antidepressivi durante
una gravidanza dovrebbero discuterne i rischi”.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su