Gravidanza: gli antidepressivi aumentano il rischio di aborto spontaneo

L’uso di antidepressivi (in particolare paroxetina, venlafaxina o l’uso combinato di diverse classi di antidepressivi) durante la gravidanza è associato ad un aumento del rischio di aborto spontaneo. A sostenerlo è uno studio pubblicato sul Canadian Medical Association Journal.

Gli studiosi hanno fatto riferimento ai dati del registro delle gravidanze del Quebec per 5124 donne che hanno avuto un aborto spontaneo rilevato clinicamente. Lo studio ha quindi mostrato che un totale di 284 donne (5,5%) che ha avuto un aborto spontaneo aveva avuto almeno una prescrizione di un antidepressivo durante la gravidanza.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su