Antibiotici ai bambini: aumenta il rischio di eczema

Dare antibiotici ai bambini al di sotto di un anno aumenta del 40% il rischio che sviluppino un eczema, una malattia della pelle. È quanto emerge da una ricerca pubblicata sul British Journal of Dermatology del Guy’s and St Thomas’ Hospital di Londra.

Si è trattato di una revisione sistematica e di una meta-analisi di studi osservazioni che hanno coinvolto bambini e giovani adulti da 0 a 25 anni. I ricercatori hanno preso in considerazione i risultati di 20 studi sull’uso di antibiotici riscontrand che non vi è nessun legame fra questi farmaci e la malattia se vengono presi durante la gravidanza, mentre la probabilità arriva al 40% se presi entro il primo anno di vita.

Inoltre è stata evidenziata una significativa correlazione dose-risposta che ha portato a stimare un aumento del 7% del rischio di eczema per ogni ulteriore ciclo di antibiotici somministrati nel primo anno di vita di un bambino. I ricercatori raccomandano dunque l’utilizzo di antibiotici con molta prudenza in particolare nel caso di bambini già a rischio.

Già in precedenza l’Agenzia Europea del Farmaco aveva segnalato  come fossero in aumento, in generale, le reazioni avverse agli antibiotici, assunti ormai in quantità eccessive.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su