Antibiotici negli allevamenti: Usa verso il divieto?

Una corte federale americana ha richiesto alla Food and Drug Administration (Fda) di dar seguito alla proposta risalente a 35 anni fa di bandire l’uso di alcuni farmaci antibiotici negli animali da reddito. Il timore è infatti che questi medicinali –  impiegati spesso massicciamente negli allevamenti per prevenire le infezioni negli animali, conseguenza anche del sovraffollamento di stalle e batterie – possano essere uno dei motivi che stanno rendendo molti batteri super-resistenti alle terapie.

La prima proposta dell’ente regolatorio americano sui medicinali di bandire penicillina e due formulazioni di tetraciclina risale al 1977. Il distretto federale di Manhattan ha ora deliberato a favore del Natural Resources Defences Council e di altri gruppi di advocacy e di consumatori, che hanno richiesto che la Fda riprenda a lavorare sulla questione.

Oggi si stima che il 70% di tutti gli antibiotici distrituibiti negli Stati Uniti sia usato negli allevamenti per la profilassi o la promozione della crescita; solo il 10% è usato per curare animali malati, mentre il restante 20% è impiegato nell’uomo.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su