Stress e ansia? Si combattono con il verde

Gli spazi verdi aiutano ridurre i livelli di ansia, stress e nervosismo. A sostenerlo è uno studio condotto dai ricercatori dell’ “Openspace Research Centre” pressol’Università di Edimburgo (Uk) e pubblicato su “Landscape and Urban Planning”.

La ricerca ha coinvolto un gruppo di persone di età compresa tra 33 e 55 anni, provenienti da aree depresse, e li hanno coinvolti in una serie di test per valutare l’impatto del verde sullo stress. Ai partecipanti è stato prelevato un campione di saliva per misurare la presenza dell’ormone cortisolo, detto anche ormone dello stress.

I ricercatori hanno scoperto che se le persone hanno meno del 30 percento di aree verdi intorno alla propria abitazione o al posto di lavoro, i livelli di cortisolo risultano sballati, mostrando che vi era una maggiore risposta allo stress da parte dell’organismo. Viceversa, ad ogni aumento di un punto percentuale dello spazio verde vi era una rapida discesa dei livelli dell’ormone dello stress; così come migliorava la risposta generale agli eventi stressanti o imprevisti, consentendo loro di affrontare meglio la vita e i suoi alti e bassi.

Dati i crescenti livelli di stress e cattiva salute mentale subìti dalle persone, questo è un importante passo avanti – spiega la dottoressa Catharine Ward Thompson, direttore dell’OPENspace Research Centre – I ricercatori hanno lavorato con persone che avevano perso il lavoro provenienti da aree svantaggiate e utilizzato test scientifici per dimostrare che, dove c’è più spazio verde intorno, i livelli di stress delle persone erano più bassi, mentre meno spazio verde è stato collegato con indicazioni che gli ormoni del corpo che non funzionano correttamente”.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su