Ansia? Ne soffrono anche i bambini

Anche i bambini soffrono d’ansia. A rivelarlo è una ricerca svolta da Francesca Neri e Renata Nacinovich, della Clinica di neuropsichiatria dell’infanzia e l’adolescenza dell’Università di Milano Bicocca presso l’ospedale San Gerardo di Monza. Su 3500 bambini di nove anni, circa il 10 per cento presenta tratti d’ansia.

La ricerca – la più ampia mai svolta per valutare la diffusione dell’ansia tra i preadolescenti – ha dimostrato che in questa fascia d’età la frequenza non varia molto fra maschi e femmine.

Ma quali sono le cause dell’ansia tra i ragazzini? Se è indubbio il peso della genetica ed il ruolo di alcuni eventi negativi (come l’abbandono o i lutti in famiglia), lo studio identifica tra le cause anche la separazione dei genitori. A rischio più elevato anche i bambini di famiglie numerose o i figli di donne che non lavorano.

I disturbi d’ansia più comuni nei bambini e negli adolescenti i disturbi d’ansia sono l’ansia da separazione, l’ansia generalizzata, il disturbo di panico, le fobie specifiche, la fobia sociale. Alcune di queste paure sono normali e scompaiono con la crescita: per esempio l’angoscia nei confronti dell’estraneo, le paure degli animali grossi e divoratori, verso i due-tre anni, o dei piccoli animali come insetti e ragni, caratteristica intorno ai quattro-sei anni. Molto frequenti e del tutto nella norma sono una transitoria paura del buio o della scuola; in adolescenza sono usuali (e passeggeri) i timori relativi al corpo, alla sua forma e integrità, alla normalità dei caratteri sessuali secondari.

“L’ansia dipende molto dall’insicurezza e dalla ‘bontà’ del legame di attaccamento con i genitori — ha spiegato Francesca Neri —. Esistono coppie separate che riescono a dar vita a una ‘coppia genitoriale’ comunque efficace, coesa, i cui figli non si sentiranno mai insicuri e, d’altra parte, esistono genitori pessimi nonostante il matrimonio.

Tuttavia, le coppie brave a separarsi ‘bene’ non sono né la norma né la maggioranza, per cui sui grandi numeri i figli di separati, divorziati e single risultano più a rischio d’ansia”.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su