12 Milioni di animali utilizzati ogni anno per i test

Ogni anno dodici milioni di animali vengono ‘sacrificati’ nei laboratori europei e novecentomila soltanto in Italia. Un dato ancor più allarmante se si considera che  il 92% dei farmaci che ha avuto risultati sugli animali non è efficace sull’uomo.
Secondo l’Eurispes l’86% degli italiani è contrario alla vivisezione.

Contrari alla sperimentazione sugli animali sono in tanti, tra cui grandi scienziati e ricercatori intervenuti al convegno “La ricerca scientifica senza animali e il nostro diritto alla salute” organizzato presso la Camera dei deputati dalla Federazione Italiana Diritti Animali e Ambiente.
“Si tratta di una violenza legalizzata, ritualizzata nelle procedure, nascosta dalla cosmetica del linguaggio,” ha affermato il deputato Michela Vittoria Brambilla, che ha introdotto i lavori.

“Meglio dire ‘sperimentazione animale’ piuttosto che ‘vivisezione’ – ha spiegato Brambilla – così sangue e carne aperta non si immaginano. Ma basta leggere l’elenco dei test autorizzati e praticati, spesso senza anestesia, per capirne l’invasività: termo ablazione, fratture, xenotrapianti, danni cerebrali acuti, degenerazione del midollo spinale”.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su