Amianto: la Regione Piemonte chiede all’Eternit maxi risarcimento

La Regione Piemonte ha avanzato una richiesta record di 69 milioni di euro nel processo in corso a Torino contro la multinazionale dell’amianto Eternit a titolo di rimborso per le spese sostenute nella bonifica dei territori inquinati dall’amianto, e per le spese mediche di cura dei malati di tumori e asbestosi, malattia polmonare cronica conseguente all’inalazione di fibre di asbesto.

Dal 1967 ad oggi sono circa tremila le vittime della multinazionale dell’amianto. Tra questi, 1.600 morti si sono registrati nella sola città di Casale Monferrato, dove aveva sede uno dei quattro stabilimenti italiani della Eternit.

Per i titolari della multinazionale Stefan Schmideiny e Jean Luis Le Cartier de Marchienne, il pm Raffaele Guariniello aveva chiesto nell’ultima udienza una condanna a 20 anni per disastro ambientale doloso e omissione volontaria di cautele sui luoghi di lavoro in relazione agli stabilimenti italiani della Eternit.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su