Alzheimer e demenza, prevenirli con frutta fresca e pesce azzurro

Frutta e pesce azzurro possono proteggere dalla demenza e dalle malattie degenerative come l’Alzheimer. A sostenerlo è la dottoressa Susanne Sorensen, membro attivo dell’Alzheimer Society della Gran Bretagna. Frutta fresca e pesce azzurro contengono infatti rispettivamente vitamine, sali minerali, acidi grassi, omega-3 e altri componenti che contribuiscono a proteggere il cervello, i vasi sanguigni e il cuore.

“Alcune ricerche hanno dimostrato che la caffeina, e varie spezie ed erbe aromatiche tra cui curcumina, salvia e melissa, potrebbero avere un effetto protettivo sul cervello. Tuttavia, la ricerca è continua e non ci sono ancora prove conclusive ancora”, ha spiegato Sorensen.

Il consiglio della dottoressa Susanne Sorensen fa seguito ad una notizia riguardante gli studi di uno studio  recentemente condotto dal Karolinska Institutet della Svezia il quale sostiene che  essere in sovrappeso o obesi tra i 40 e i 45 anni aumenta dell’80% il rischio di sviluppare l’Alzheimer e altre forme di demenza.

La ricerca è stata condotta su 8.534 gemelli di 74 anni di età media. Gli studiosi nel corso della ricerca hanno scoperto che solo il 26% di coloro che, a quarant’anni, erano stati sovrappeso non aveva fatto registrare l’insorgenza dei sintomi della demenza, contro un 39% che aveva sviluppato diverse forme di declino cognitivo e un altro 36% che aveva ricevuto diagnosi di demenza ”discutibile” (soggetti che mostrano deterioramento di alcune funzioni cognitive, compresa la memoria, anche senza deterioramento delle capacità funzionali).

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su