Alzheimer: nel mondo un caso ogni 4 secondi

Le demenze non costituiscono una parte normale dell’invecchiamento, ma interessano un sempre piu’ alto numero di persone, e non solo nei paesi industrializzati, ma in tutto il pianeta. Oggi la demenza colpisce oltre 35 milioni persone nel mondo, ma le stime annunciano cifre allarmanti: si prevede infatti un aumento del 70% della sindrome entro la metà del secolo. Le persone colpite saranno quindi circa 115 milioni. Ecco perché i governi, i politici e le altre parti interessate deveono considerare le demenze una priorità mondiale di salute pubblica.

Questo quanto emerge da un rapporto diffuso qualche giorno fa dall’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) e dall’Alzheimer Disease International (Adi).

“Con il loro impatto devastante sui malati, le loro famiglie, le loro comunità e i sistemi sanitari nazionali – evidenzia Marc Wortmann di Adi – le demenze rappresentano non solo un problema di salute pubblica, ma anche un incubo sociale, fiscale ed economico. In tutto il mondo ogni 4 secondi nasce un nuovo caso di demenza. Questo è un tasso di crescita impressionante, pari a 7,7 milioni di nuovi casi ogni anno, le stesse dimensioni delle popolazioni della Svizzera e Israele”.

L’aumento dei casi di demenza richiede, secondo i ricercatori, un’azione immediata, in particolare nei Paesi a basso e medio reddito, dove le risorse sono poche. Del resto, l’enorme costo della malattia costituirà una sfida per i sistemi sanitari nazionali: i costi sono stimati attualmente in 604 miliardi di dollari all’anno e sono destinati ad aumentare ancora più rapidamente.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su