Aloe Vera vs Aloe Arborescens

L’Aloe Vera conosce ormai un successo indiscusso. La ritroviamo in moltissime creme e prodotti di cosmesi o fitoterapici. In commercio, esiste tuttavia un’altra varietà della pianta che sta conoscendo una diffusione crescente: l’Aloe Arborescens.

A differenza dalla prima, l’Aloe Arborescens presenta foglie più sottili e filiformi e una cuticola più spessa, ciò che la rende resistente e coltivabile anche in Europa in presenza di climi temperati. L’Aloe Arborescens di conseguenza accorcia le distanze tra produttore e consumatore e consente di preservare più a lungo i tanti principi attivi in essa contenuti. Rispetto alla Barbadensis Miller (Aloe Vera), l’Arborescens contiene peraltro una concentrazione maggiore di elementi antrachinonici, in particolare le aloine, responsabili degli effetti lassativi della pianta ma anche delle proprietà citoprotettive e antinfiammatorie.

L’Aloe Arborescens contiene inoltre un numero elevato di minerali come sodio, potassio, calcio e magnesio, oligoelementi e un discreto numero di vitamine, coma la vitamina A, C, E dalle note proprietà antiossidanti.

La fortunata combinazione di tutti gli elementi contenuti nella pianta attribuiscono all’Aloe Arborescens importanti proprietà fitoterapiche. È usata spesso come valido contributo contro psoriasi, acne, forfora e congiuntivite, in caso di digestione lenta, problemi di alitosi e contro la stipsi, grazie alle sue proprietà purganti e lassative.

Ma l’Aloe Arborescens è conosciuta soprattutto per essere l’ingrediente principale del preparato fresco di Padre Romano Zago.
Padre Romano Zago è un frate brasiliano di origine italiana dell’Ordine dei Frati Minori. Una volta ottenuta la laurea in filosofia, teologia e lettere e trascorso un importante periodo della propria vita in Israele, tornò in Brasile, dove oggi ancora risiede e continua a operare. Fu proprio durante l’esperienza in Terrasanta che Padre Zago conobbe le virtù di una pianta che in effetti già conosceva fin da bambino, quando la madre era solita usarla come lenitivo, applicandola su ferite e punture d’insetto.

In Israele, Padre Zago si convinse che l’Aloe Arborescens avesse proprietà antitumorali e proprio qui mise a punto la sua famosa ricetta a base di Aloe Arborescens, miele d’api e distillato. Tornato in Brasile, iniziò un lungo percorso di ricerca e sperimentazione, rafforzando la sua opinione sugli effetti positivi della pianta sull’organismo umano e soprattutto sui malati.

Le esperienze più importanti sono oggi raccolte e raccontate nel libro di Padre Romano Zago Di cancro si può guarire, edito nel 1996 da ADLE Edizioni – Padova e acquistabile online, insieme al preparato fresco, sul sito di Aloe Shop. Con questo libro, il padre brasiliano ha voluto diffondere la formula del suo preparato in tutto il mondo oltre che le sue acquisizioni empiriche sui benefici dell’Aloe Arborescens contro il male del secolo.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su