Alluce valgo? Danni non solo ai piedi

L’alluce valgo può danneggiare anche il benessere psico-fisico di un individuo e, pertanto, non va preso alla leggera. A sostenerlo è una ricerca condotta dagli studiosi de La Trobe University di Melbourne (Australia) e della Keele University di Staffordshire (Gran Bretagna).

Pubblicata su Arthritis Care & Research, la ricerca condotta su 2.831 soggetti affetti da alluce valgo, di età superiore ai 55 anni, ha dimostrato che la patologia peggiora con il passare del tempo e che i pazienti colpiti dalle forme più gravi manifestano un generale deperimento fisico: provano un dolore più elevato, presentano funzionalità fisiche ridotte, appaiono più deboli e maggiormente provati dal punto di vista psicologico.

Come ha spiegato Hylton Menz, ricercatore de La Trobe University che ha partecipato alla ricerca, “lo studio dimostra che l’alluce valgo è una condizione muscolo-scheletrico invalidante che investe la qualità complessiva della vita”.

L’alluce valgo rappresenta una delle patologie più diffuse a carico del piede. È caratterizzato da una deformità del primo dito (l’alluce, appunto) che comporta una deviazione laterale della falange. Tale deformità è accompagnata da una tumefazione dolente della parte interna del piede, la cosiddetta “cipolla”, ovvero una forma di borsite, cioè di infiammazione da sfregamento con la calzatura.

A soffrire maggiormente di alluce valgo sono le donne (dieci volte più degli uomini), in genere di età matura o senile, e soprattutto se vi sono casi di ereditarietà.

La causa dell’alluce valgo può essere primaria o congenita (con la tendenza a svilupparsi nell’età dell’accrescimento) oppure secondaria o acquisita. In quest’ultimo caso, una notevole responsabilità può essere attribuita a modelli di calzatura inadeguati alla fisiologia del piede, ad esempio scarpe con tacco alto o strette in punta che costringono il piede ad una posizione innaturale.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su