Aumentate allergie a cosmetici: sotto accusa i conservanti

Due conservanti utilizzati comunemente nei cosmetici e in alcuni detersivi potrebbero essere responsabili dell’aumento di reazioni allergiche della pelle che negli ultimi due anni sono cresciute fino al 10%.

Si tratta del methylisothiazolinone e del methylchloroisothiazolinone, due conservanti usati nelle salviettine di pulizia, detergenti, tonici, gel per doccia, schiume da barba, prodotti per capelli e mascara per occhi, oltre che nei detersivi liquidi per piatti. È quanto sostengono i dermatologi inglesi che al congresso della British association of dermatologists svoltosi a Liverpool, hanno invitato la Commissione europea a rivedere ulteriormente i limiti nell’uso di tali composti, la cui concentrazione di impiego è stata peraltro già notevolmente ridotta dall’Unione europea.

Secondo un’indagine svolta al Leeds Centre for Dermatology e presentata al congresso di Liverpool entrambi i composti sono responsabili di un incremento delle allergie da contatto del 6,2% negli ultimi tre anni.

Secondo un’altra ricerca, svolta al St. Thomas’ Hospital di Londra e presentata allo stesso meeting, l’aumento delle allergie da contatto provocata dal methylisothiazolinone è aumentata rapidamente in due anni. I medici del St. Thomas segnalavano un caso nel 2010, 33 casi nel 2012. “In Inghilterra il tasso di allergie dovuto ai due conservanti e’ aumentato negli anni ed attualmente e’ vicino al 10%, in alcuni casi anche piu’ alto. Sarebbe bene rivedere l’uso di tali ingredienti”, ha spiegato David Orton, presidente della British society of cutaneous allergy.

“Molti pazienti – ha sottolineato John McFadden, dermatologo consulente del St Thomas’ hospital di Londra – hanno sofferto di dermatiti persistenti sul volto, chiediamo alle industrie di non attendere futuri divieti imposti dalle legge ma di agire prima eliminando questi ingredienti spontaneamente”.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su