Allergie in aumento. Come prevenirle con l’Omeopatia

Asma, riniti e congiuntiviti. A causa di smog, inquinamento e cambiamenti climatici si registra una crescita esponenziale del numero di persone allergiche al polline, aumentato nell’aria da 10 a 100 volto per via dell’aumento di mezzo grado della temperatura.

Secondo le stime negli ultimi anni la percentuale di italiani che soffrono di allergie è arrivata a uno su 4, e per alcune patologie fino a un italiano su 3. Quelle più diffuse sono sicuramente la rinite allergica, che colpisce sia adulti che bambini, ma sempre più diffuse e in aumento sono la congiuntivite e l’asma allergica. “Ma il ricorso all’omeopatia può aiutare a prevenirle”, spiega Ginevra Menghi, allergologa, immunologa clinica e medico omeopata romana.

“Da molti anni – prosegue Menghi – mi occupo sia delle strategie di prevenzione sia della cura delle patologie allergiche, avvalendomi di farmaci convenzionali e ricorrendo anche all’omeopatia che, in base alla mia esperienza clinica, rappresenta una valida scelta terapeutica. I medicinali omeopatici sono in genere privi di tossicità chimica e di effetti collaterali direttamente legati alla quantità di prodotto assunto. Per questo possono essere prescritti a soggetti allergici di tutte le età, compresi bambini, anziani e donne in gravidanza, che presentano limitazioni nell’uso delle terapie tradizionali”.

“Il paziente allergico infatti soffre di una patologia cronica, che va avanti per anni – continua l’esperta – quindi spesso incontra difficoltà nel seguire terapie farmacologiche prolungate o per i loro effetti collaterali (dalla sonnolenza al senso di intontimento fino alle difficoltà di attenzione) o perché restio all’uso di farmaci tradizionali. Con l’omeopatia il paziente segue la terapia in maniera più costante, avendo così una maggiore compliance, e riusciamo a fare un percorso di prevenzione sicuramente molto efficace e duraturo”.

A voler ricorrere alle terapia omeopatiche sono in particolare i genitori di bambini e le donne in gravidanza, categorie che hanno limitazioni oggettive o esigenze di utilizzare il meno possibile i farmaci tradizionali. Inoltre, bambini e mamme in attesa “sono particolarmente sensibili e recettivi all’omeopatia proprio perché utilizzano meno farmaci tradizionali, e hanno quindi risultati generalmente migliori e più duraturi nel tempo”.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su