Allergie alimentari: boom tra i bambini

In Europa oltre 17 milioni di persone, di cui 3,5 milioni con meno di 25 anni,  soffrono di allergie alimentari e il numero di allergici è in continua crescita.

È questo quanto emerso ieri nel corso del Food Allergy and Anaphylaxis Meeting dell’European Academy of Allergy and Clinical Immunology, in corso a Venezia dal 17 al 19 febbraio.

Le reazioni allergiche, in continuo aumento, sarebbero causate da cambiamenti nutrizionali e dall’esposizione a fattori ambientali tra cui il fumo di sigaretta, come ha spiegato Maria Antonella Muraro, presidente del congresso e responsabile del Centro Allergie e Intolleranze Alimentari dell’azienda ospedaliera dell’Università di Padova.

“La mancata esposizione fin da piccolissimi a particolari fattori batterici – spiega Maria Antonella Muraro – pare ridurre le possibilità che il nostro sistema immunitario riconosca che cosa è innocuo e cosa non lo è, scatenando una risposta anche nei confronti di proteine presenti nei cibi e generalmente tollerate dal nostro organismo”.

A preoccupare in particolar modo è il boom di allergie registratosi negli ultimi anni tra i più piccoli. La fascia di età più colpita dalle allergie alimentari è quella fra zero e cinque anni con ben un milione e 200mila bimbi allergici; un milione sono gli allergici fra 5 e 10 anni e altri 800mila quelli fra 10 e 18 anni.

Negli ultimi dieci anni il numero dei bambini allergici è raddoppiato, i ricoveri per shock anafilattico nella fascia fra 0 e 14 anni sono aumentati di sette volte e le visite ambulatoriali pediatriche per allergie alimentari sono triplicate. L’allergia più frequente in Italia nei piccoli è quella al latte vaccino, non tollerato da oltre 100mila bimbi fra zero e cinque anni.

Altri 80mila bimbi italiani al di sotto dei 5 anni di età non tollerano le uova, 50mila sono allergici a noci, nocciole e arachidi, 40mila ad altri alimenti fra cui frutta, verdura e crostacei.
In Europa continentale l’allergia alimentare mediamente più diffusa è quella a frutta fresca e verdura, nei paesi anglosassoni prevale la frutta a guscio, soprattutto noci, nocciole e arachidi. Segue l’allergia ai crostacei e al pesce, in particolare al merluzzo, che prevale nei Paesi Scandinavi e del Nord Europa.

Secondo un recente studio dell’Università di Torino, l’alimento più allergizzante negli adulti è  la nocciola (26%), seguita dalla verdura (14%), dalla frutta fresca, soprattutto pesche e albicocche, (12%), crostacei (10%), pesce (7%) legumi ( 6%), semi (6%), grano (5%).

Ma esiste un modo per prevenire le allergie alimentari? Secondo alcuni studi presentati a Venezia un valido aiuto è rappresentato dallo yogurt i cui fermenti lattici, preziosi per i loro effetti antinfiammatori e protettivi, possono infatti aiutare a prevenire le allergie alimentari e ad alleviarne i sintomi.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su