Gli alimenti alleati del fegato

Una corretta alimentazione è fondamentale per la salute del fegato, organo importantissimo per l’organismo poiché interviene nel metabolismo degli alimenti, dei farmaci, delle tossine e più in generale di qualsiasi cosa venga introdotta nel corpo umano.

Un’alimentazione errata, pesante, troppo grassa, un eccesso di farmaci, inquinamento e bevande alcoliche possono ostacolare le funzioni epatiche, riducendo così l’efficienza di questo organo. Per depurare il fegato è essenziale bere molta acqua durante la giornata e portare a tavola gli alimenti giusti.

Ecco quindi una lista di alimenti che contribuiscono alla salute del fegato.

Carciofo
La cinarina, sostanza amara e aromatica contenuta nelle foglie del carciofo, facilita la produzione e la secrezione di bile, oltre a favorire la diuresi. La cinarina svolge anche un’azione ipocolesterolemizzante e aiuta la rigenerazione delle cellule epatiche.

Cardo mariano
Il cardo mariano contiene la silimarina, un composto che protegge il fegato inibendo le sostanze dannose che causano danni alle cellule. La silimarina, inoltre, stimola la rigenerazione delle cellule danneggiate del fegato. Sebbene non molto noto, il cardo mariano può essere facilmente reperibile ed essere assunto come tisana oppure come estratto secco.

Broccoli e cavolfiori
Questi alimenti consentono un notevole apporto di enzimi naturali, che hanno la funzione di aiutare a liberarsi delle tossine cancerogene e in questo modo diminuiscono il rischio di incorrere nei tumori.

Peperoncino
Secondo uno studio condotto dal Liver Cell Biology Laboratory della Vrije Universiteit di Bruxelles, il peperoncino favorisce una più efficiente risposta epatica nei confronti di eventuali lesioni. Secondo i ricercatori belgi la capsaicina in esso contenuta riduce al minimo la formazione di fibrosi epatiche e blocca lo sviluppo di ulteriori danni.

Aglio
L’aglio presenta composti contenenti zolfo che attivano gli enzimi epatici che aiutano il corpo a liberarsi delle tossine. Inoltre l’aglio contiene l’allicina e il selenio, due sostanze che contribuiscono ad aiutare l’organismo nel processo di disintossicazione.

Noci e frutta con il guscio
Da questi alimenti proviene un aiuto in termini di fornitura di acidi grassiomega-3. Inoltre rappresentano ottime riserve di calcio, ferro, fosforo, ma anche rame e zinco, questi alimenti naturali forniscono anche un prezioso contributo in termini di vitamine (A, B2, B9, C, F e P) e acidi grassi polinsaturi omega-6(efficaci contro il colesterolo cattivo nel sangue).

Mela
La mela contiene i triterpenoidi, sostanze in grado di prevenire il tumore al fegato. Le mele inoltre sono ricche di pectina, una sostanza che aiuta le funzioni digestive e contribuisce all’equilibrio dell’apparato digerente.

Orzo e cereali integrali
L’orzo e in generale i cereali integrali, sono ricchi di vitamine del gruppo B, importanti per migliorare sia il metabolismo dei grassi che il funzionamento del fegato.

Tè verde
Il tè verde contiene catechine che svolgono un’importante azione antiossidante, in grado di contribuire al funzionamento generale del fegato.

Avocado
L’avocado aiuta l’organismo a produrre il glutatione, un aminoacido solforato con funzione antiossidante utile per contrastare i danni provocati dai radicali liberi e necessario al fegato al fine di liberare l’organismo da pericolose tossine.

Limone
Il succo di limone è ricco di vitamina C e antiossidanti e svolge un’azione protettiva delle cellule del fegato, migliorandone la funzionalità e la rigenerazione. Il succo di limone o un bicchiere di acqua e limone assunto la mattina a digiuno è un ottimo depurante.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su