Pasti veloci e fuori casa: le abitudini alimentari degli italiani

I ritmi di vita degli italiani sono sempre più frenetici e a pagarne le spese è la nostra alimentazione. Ad indagare sulle abitudini alimentari del Bel Paese è uno studio commissionato dal Barilla Center for Food & Nutrition al sociologo Claude Fischler a capo del Centro Edgar Morin, che lo presenterà al secondo Forum sull’alimentazione in programma a Milano, all’università Bocconi, oggi e domani.

Il tempo dedicato all’alimentazione risulta oggi compresso tra gli impegni quotidiani degli italiani che impiegano poco tempo alla preparazione del cibo e consumano numerosi pasti veloci e fuori casa in orari sempre più vari.

Dallo studio emerge in particolare che il 14% dei pasti fuori casa è consumato in piedi mentre il 15% seduti, ma non a tavola. Nel caso dei pranzi fuori casa si tratta soprattutto di primi piatti (41%) e di secondi piatti (42%), con 1 milione di primi piatti pronti consumati fuori casa ogni giorno (in buona parte nei bar/tavola calda). I pasti consumati dagli italiani sono prevalentemente preparati da persone diverse da chi li consuma (nel 62% dei casi se si considera il dato aggregato). La maggior parte dei pasti in casa (il 45%) è preparato in un tempo tra compreso tra 10 e 30 minuti ed è consumato in 20-30 minuti. Se si considerano invece i pasti fuori casa i tempi di preparazione scendono, nella maggior parte dei casi, a meno di 10 minuti.

Al fine di diffondere i principi di un’alimentazione sana e corretta, Barilla ha deciso di lanciare il progetto educativo “A mangiar bene si comincia da Piccolini”. Si tratta di un’iniziativa rivolta alle scuole dell’infanzia in 6 regioni italiane, al via nel mese di novembre per concludersi alla fine dell’anno scolastico. Come si legge in una nota il progetto costituisce “un percorso ludico,  didattico-pedagogico che coinvolge docenti, alunni e famiglie, pensato per aiutare ad insegnare ai bambini i principi della sana e corretta alimentazione e le basi per vivere al meglio il momento del pasto e le relazioni con il cibo e con i grandi”.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su