Alcol, il marketing delle aziende minaccia i giovanissimi

Mancanza di regole e troppa libertà concessa all’industria per quanto riguarda il marketing delle bevande alcoliche rivolte a bambini e ragazzi. Inoltre, con lo sviluppo del marketing online e l’uso dei social network, la situazione sta peggiorando. È quanto denuncia un editoriale del British Medical Journal.

A confermare la gravità del problema sono 13 revisioni sistematiche che mostrano chiaramente che all’aumento della pubblicità corrisponde un aumento del ricorso all’alcol da parte dei giovani.

.Un’analisi condotta dalla Rand Corporation per la Commissione Europea mostra che in Gran Bretagna le regole sono così poco strinenti che i teenagers sono più esposti degli adulti a questa pubblicità. Per esempio, i ragazzi tra 10 e 15 anni vedono il 10% in più di pubblicità in TV rispetto ai loro genitori; e nel caso delle bibite alcoliche, come Smirnoff Ice e Bacardi freezer, il 50% in più.

Fonte: aamterranuova.it

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su