“Conflitto d’interesse”: indagine sui vertici dell’Aifa

Si indaga sui possibili conflitti di interesse ai vertici dell’Aifa, l’Agenzia Italiana del farmaco. Secondo quanto riportato da Sanità24, la testata specializzata del Il Sole 24 Ore, il professor Sergio Pecorelli, presidente dell’Aifa, “è stato segnalato dagli organismi interni al ministero della Salute per potenziali conflitti d’interesse per la sua partecipazione in alcune società che sarebbero vietate dal regolamento interno di trasparenza che vigila appunto sui conflitti d’interesse dei membri dell’Agenzia ma anche dei consulenti”.

La situazione di Pecorelli sarebbe già all’attenzione del ministero della Salute  che dovrà valutare gli incartamenti sul caso trasmessi dal direttore generale dell’Agenzia regolatoria, Luca Pani, e quindi prendere le decisioni conseguenti.

A Pecorelli sarebbe contestata la partecipazione nell’advisory board di una società di venture capital che investe in sanità decine di milioni degli oltre 400 di somme del suo portafoglio complessivo. Tuttavia, sarebbero da chiarire altre “partecipazioni in fondazioni e altre società con risorse provenienti anche da industrie farmaceutiche”.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su