L’agopuntura aiuta ad abbassare la pressione

L’agopuntura aiuta ad abbassare la pressione alta del sangue e a tenere sotto controllo l’ipertensione, abbassando il rischio di infarti e ictus. È quanto emerso da uno studio condotto dai ricercatori del Susan Samueli Center for Integrative Medicine, pubblicato sulla rivista Medical acupuncture. Gli studiosi hanno constatato che nei pazienti trattati con questa pratica della medicina cinese la pressione è calata, con un effetto che durato fino a un mese e mezzo.

La ricerca ha coinvolto 65 pazienti ipertesi che non prendevano alcun farmaco. Divisi a caso in due gruppi, sono stati trattati con elettroagopuntura (una forma di agopuntura che impiega una stimolazione elettrica a bassa intensità) in diversi punti del corpo sensibili all’agopuntura. Un gruppo, trattato sul lato più interni dei polsi e sotto le ginocchia, ha avuto un evidente abbassamento della pressione sanguigna nel 70% dei casi.

Un miglioramento durato per un mese e mezzo, accompagnato anche da un calo del 41% della concentrazione nel sangue della norepinefrina, un neurotrasmettitore che soffoca e comprime i vasi sanguigni, del 67% della renina, un enzima prodotto dai reni che aiuta a controllare la pressione, e dell’aldosterone (-22%), ormone che regola gli elettroliti.

Non è stato invece riscontrato nessun cambiamento significativo nella pressione  nei 32 che avevano ricevuto l’elettroagopuntura in altri punti a caso lungo l’avambraccio e nella parte bassa della gamba. L’agopuntura, secondo i ricercatori, può essere utile soprattutto nei pazienti con più di 60 anni, riducendo il rischio di ictus, infarto e collasso cardiaco.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su