Gli adolescenti italiani tra poco sport, troppo alcol e social media

Fortemente sedentari, con uno stile di vita alimentare non corretto e bevono troppo alcol, con comportamenti estremi come le abbuffate alcoliche. È quanto emerge dal rapporto dell’Iss sugli adolescenti italiani fra gli 11 e i 15 anni.

Il 20-30% degli studenti non fa la prima colazione, solo un terzo dei ragazzi consuma frutta e verdura una volta al giorno e meno del 10% svolge almeno un’ora quotidiana di movimento, come raccomandato dall’Oms. Inoltre nel 2018, il 43% dei 15enni e il 37% delle 15enni ha fatto ricorso al binge drinking, ovvero l’abitudine di assumere una gran quantità di alcol fuori dai pasti e in un breve arco di tempo.

Eppure, nonostante i fattori di rischio individuati dallo studio, gli adolescenti italiani hanno un’alta percezione della loro qualità di vita. La fotografia è stata scattata dalla rilevazione 2018 del Sistema di Sorveglianza HBSC Italia (Health Behaviour in School-aged Children – Comportamenti collegati alla salute dei ragazzi in età scolare), promosso dal Ministero della Salute/CCM coordinato dall’Istituto Superiore di Sanità.

La ricerca ha coinvolto 58.976 ragazzi italiani di 11, 13 e 15 anni, e 4.183 classi distribuite in tutte le regioni, e preso in considerazione abitudini che vanno dall’alimentazione, al fumo, all’alcol, al bullismo, all’uso dei social alle amicizia.

Per quanto riguarda i social media i risultati mostrano che i giovani che ne fanno un uso problematico sono l’11,8% delle ragazze e il 7,8% dei ragazzi. Preferire le interazioni sociali online rispetto agli incontri faccia a faccia è frequentemente considerato un comportamento che contribuisce al rischio di sviluppare un uso problematico dei social media.

La buona notizia? L’Italia risulta essere tra i paesi meno interessati dal fenomeno del bullismo.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su