Acqua in bottiglia: attenzione alle alte temperature

Se lasciata in luoghi con temperature elevate, l’acqua in bottiglia può diventare nociva per la nostra salute. Il rischio deriva dai materiali con cui viene confezionata. Il problema principale secondo gli studiosi deriverebbe dal fatto che le bottiglie comunemente definite di “plastica” vengono realizzate con tereftalato che, in contatto con fonti di calore, rilascia sia antimonio che bisfenolo A o BPA.

La professoressa Lena Ma dell’Università della Florida ha guidato un gruppo di ricercatori per valutare le sostanze chimiche rilasciate in 16 marche di acqua in bottiglia. I contenitori sono stati prima sottoposti a una temperatura compresa tra i 65 e i 70 gradi Celsius (158 gradi Fahrenheit) per circa quattro settimane.

Dai risultati dello studio, pubblicato sulla rivista Environmental Pollution, è emerso che quando le bottiglie sono state scaldate per così tanto tempo i livelli di antimonio e BPA sono saliti alle stelle.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su