Abuso di analgesici: negli Usa raddoppiano i decessi

Negli Stati Uniti l’abuso di antidolorifici da prescrizione è responsabile di più decessi di eroina e cocaina insieme. A rivelarlo è un rapporto della Brandeis University che analizza anche i programmi che sono stati avviati per contrastrare quella che è diventata una vera e propria epidemia .

Solo in un anno, infatti, trentasettemila persone sono morte per overdose da analgesici. Nel decennio compreso tra il 1999 e il 2009 negli Stati Uniti si è passati da circa 20.000 morti a 37.000.

Il rapporto rileva che i programmi di monitoraggio per controllare la prescrizione dei farmaci analgesici sono in aumento: alla fine del 2001 gli stati autorizzati a creare programmi di monitoraggio sulla prescrizione di painkiller erano sedici e in soli 11 anni gli stati americani che si sono dotati di PDMP ( Prescription Drug Monitoring Programme) sono diventati 49.

Secondo lo studio negli stati che raccolgono i dati sulla somministrazione controllata di farmaci analgesici e ansiolitici in modo più efficiente e capillare si riscontra un tasso inferiore di visite dal medico al fine di ottenere una prescrizione. Tali programmi funzionano se coinvolgono altre categorie oltre ai medici (come farmacisti o polizia) e contribuiscono ad individuare i cosiddetti ‘pill mills‘, ossia i circuiti di distribuzione illegale delle medicine.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su