Abortisce al settimo mese dopo aver assunto un calmante. Aperta l’inchiesta

Prende un calmante e abortisce al settimo mese di gravidanza. La Procura di Roma ha aperto un fascicolo per accertare eventuali responsabilità. Il fascicolo processuale, aperto sulla base di una denuncia, è per il momento contro ignoti.  In particolare, gli accertamenti medico legali dovranno stabilire se il fatto sia dipeso da un forte calmante prescritto alla donna di 34 anni.

L’episodio è avvenuto il 24 aprile scorso a Roma. La donna, 34 anni e madre già di due figli, era incinta di 7 mesi. Si è presentata presso una guardia medica di Roma con un certo gonfiore alle gambe ed alle braccia, così il medico di turno le ha somministrato un calmante, che però è risultato fatale per il piccolo che portava in grembo.

Subito dopo l’assunzione del farmaco, infatti, la donna ha avvertito la perdita di molti liquidi; si è quindi capita la gravità della situazione ed allora si è andati subito in ospedale. Malgrado l’intervento eseguito al Policlinico Casilino non c’è stato nulla da fare e la donna ha dovuto constatare l’aborto e quindi la perdita del piccolo.

E’ stata la donna stessa a denunciare il fatto si è immediatamente rivolta a un avvocato e ha presentato in Procura un dettagliato esposto, ripercorrendo le tappe della vicenda. Saranno i magistrati a stabilire se, per il tragico episodio, siano ravvisabili eventuali responsabilità sanitarie.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su