Recensioni

Vivere in 5 con 5 euro al giorno


CATEGORIE: Recensioni

vivere 5 euro
La copertina di 'Vivere in 5 con 5 euro al giorno'

Detersivi fai da te, realizzati con prodotti di uso comune

Gli ingredienti che non dovrebbero mai mancare in casa per le pulizie domestiche sono:
– aceto di vino bianco (disinfettante, sgrassante, anticalcare);
– bicarbonato di sodio;
– limone (antibatterico, disinfettante e sgrassante);
– cenere di legna (non cenere di pellet).

Noi donne ci preoccupiamo che la casa sia sempre perfettamente in ordine e lucida, ma spesso non ci curiamo del prodotto che stiamo utilizzando. Vuoi il profumo accattivante, vuoi il colore alla moda, vuoi la pubblicità che ci ha detto che senza quel prodotto non potremmo vivere, acquistiamo spesso senza tenere conto della cosa più importante, ovvero: «Cosa contiene quel flacone, fatto di plastica?». Sostanzialmente, derivati chimici del petrolio, che inquinano molto l’ambiente e sono nocivi per chi li utilizza: soprattutto per i nostri bambini che andando carponi toccano ovunque, e mettendosi spesso le mani in bocca finiscono per ingerire anche quei detersivi, in minima parte certo, ma quotidianamente!

Questa premessa non è per fare del terrorismo ma solo per aprire le coscienze.
Chiunque di voi può prendere un qualsiasi prodotto e leggerne l’etichetta… se riesce a capirci qualcosa!
Il mio obiettivo è fornire delle ricette per detergenti molto pratici, realizzati con materie prime economiche e a basso impatto ambientale.

Detergente multiuso all’aceto
– 100 ml di acqua;
– 300 ml di aceto di vino bianco.
Unire gli ingredienti in uno spruzzino e agitare bene.
Questo detergente, ottimo per vetri e pavimenti, è adatto a tutte le superfici lavabili ma va utilizzato con un occhio di riguardo su marmo e legno.

Detergente multiuso al bicarbonato di sodio
Chi (come me!) non ama l’odore dell’aceto, può utilizzare 3-4 cucchiai di bicarbonato di sodio in uno spruzzino riempito di acqua.
Agitare molto bene ogni qual volta lo si utilizza, in modo che il bicarbonato non si depositi alla base del contenitore otturando la cannetta che serve per fare uscire l’acqua.

Lavavetri
– ml 150 di alcool denaturato;
– ml 150 di aceto di vino bianco;
– ml 200 di acqua.
Unire il tutto in uno spruzzino e agitare bene.

Anticalcare
Spesso ci si ritrova a fare i conti con brutte macchie di calcare sul piatto doccia, sulla vasca da bagno, sulle rubinetterie e sui sanitari. In questi casi, spruzzare dell’aceto puro, magari tiepido, su tutta la superficie; abbondare un poco con la quantità e lasciare agire qualche minuto.
Un altro ottimo anticalcare, particolarmente adatto per la pulizia della vasca da bagno, è dato dall’unione dell’aceto bianco tiepido con del sale fino. Strofinare con un panno e lasciare agire, quindi risciacquare.

Detersivo per i piatti (a mano e in lavastoviglie)
– 3 limoni interi;
– 400 ml di acqua;
– 200 ml di sale;
– 100 ml di aceto bianco.
Tagliare i limoni e toglierne i semi; mettere tutti gli ingredienti in un frullatore e sminuzzarli in modo che il composto sia il più fine possibile: la presenza di grumi rischierebbe di rovinare il filtro della lavastoviglie.
Ottenuto un composto omogeneo, fare bollire il tutto per 10 minuti. Per la lavastoviglie utilizzarne 2 cucchiai da cucina, per il lavaggio a mano mettere la quantità che si ritiene necessaria direttamente sulla spugnetta.
Questo prodotto è ottimo anche per la pulizia del lavello e del box doccia.

Detergente per pentole incrostate
Riempire la pentola con una soluzione di acqua e aceto, in parti più o meno uguali, e bicarbonato di sodio.
Attenzione: l’aceto e il bicarbonato insieme fanno reazione, quindi si gonfierà tutto.
Lentamente la situazione tornerà alla normalità. A questo punto accendere il fuoco e fare bollire la soluzione. Quindi spegnere, lasciare intiepidire e, se è il caso, strofinare.

Disinfettante per le spugnette (lavapiatti o multiuso)
Impregnare la spugnetta di aceto e metterla nel forno a microonde, su di un piatto, per circa 2 minuti.
Attenzione: quando si toglie il piatto dal forno, la spugna scotta!

Pulire il tagliere
Cospargere con del bicarbonato di sodio e spruzzare dell’aceto. Lasciare agire qualche minuto e procedere con il lavaggio abituale.

Detersivo per il frigorifero
Sarà sufficiente utilizzare una spugna imbevuta di aceto tiepido o di una soluzione di 2 cucchiaini di bicarbonato di sodio sciolti in una ciotola di acqua tiepida. Entrambi i sistemi sono molto efficaci: eliminano gli odori e puliscono a fondo.

Per ridurre gli odori nel frigorifero e nella scarpiera
Posizionare una ciotolina piena di bicarbonato di sodio all’interno del frigo o della scarpiera.

Detergente per rame e ottone
Strofinare i metalli con sale grosso inumidito con aceto bianco, sciacquare e asciugare.

Detersivo in scaglie per lavatrice
Grattugiare un panetto di sapone di Marsiglia (o di sapone autoprodotto) con la grattugia per le carote. Con le mani, rompere i pezzi più grandi: per i lavaggi a basse temperature, altrimenti, si rischia che a ciclo finito rimangano fastidiosi residui di sapone sui capi.

Detersivo liquido per lavatrice
– 1/2 litro di acqua;
– 150 g di sapone di Marsiglia;
– 2 cucchiai di bicarbonato di sodio.
Sciogliere il sapone di Marsiglia e il bicarbonato di sodio in acqua calda. Lasciare raffreddare e versare in un contenitore riciclato di detersivo per bucato.

Ammorbidente per la lavatrice
Un semplice bicchiere di aceto nella vaschetta dell’ammorbidente, sebbene non sia profumato, renderà i capi più morbidi, eliminando i residui di sapone.

Detergente per pavimenti
Aggiungere all’acqua del secchio 2 bicchieri di aceto di vino bianco.

Per profumare l’interno delle scarpe
In un sacchetto (recuperato dalle bomboniere o fatto in casa, magari con stoffe di abiti ormai dimessi), mettere del sale grosso con erbe aromatiche: lavanda, rosmarino o quelle che si riescono a reperire con più facilità. Si può utilizzare anche qualche goccia di olio essenziale, a proprio gradimento.
A proposito degli oli essenziali è importante verificare che siano biologici e non di sintesi, o che riportino la dicitura «solo naturale».

Per gli odori che arrivano dagli scarichi
Si può utilizzare il bicarbonato di sodio precedentemente posizionato in frigorifero per ridurre gli odori: invece di gettarlo, mescolarne due cucchiai in un bicchiere di acqua. Miscelare bene e versare quindi nello scarico.

Pulizia dei tappeti
Cospargere uniformemente tutto il tappeto con del bicarbonato di sodio. Lasciare agire tutta la notte, quindi passare accuratamente con un aspirapolvere potente. In alternativa si può passare il tappeto con un panno di cotone imbevuto di aceto tiepido, nel senso del pelo. Risciacquare lo straccio ogni volta che è sporco. Con questo metodo si ravviveranno anche i colori.
Attenzione: provare prima su un angolo per accertarsi che i colori non si rovinino.

La lisciva
Infine, un detergente straordinario, che ho lasciato di proposito per ultimo: la lisciva di cenere di legna (non di pellet, mi raccomando)!
La cenere, per chi come me non ha la stufa a legna o il caminetto, potrà essere recuperata chiedendo ad amici o alle pizzerie della vostra zona: ve ne regaleranno certamente un po’ senza fare problemi, considerando che la si butta sempre via!

Per la preparazione si procede in questo modo: setacciare la cenere con un colino a maglie molto fini, in modo da eliminare ogni residuo. In un grosso pentolone, versare poi acqua e cenere, in una soluzione di 5 a 1 (ad esempio, 5 bicchieri di acqua, 1 bicchiere di cenere). Mescolare bene e mettere sul fornello, portando il composto a ebollizione. Lasciare sobbollire per due ore, girando il tutto in modo che la cenere non si attacchi al fondo della pentola. Trascorse le due ore, spegnere il gas, coprire con un coperchio e lasciare riposare per tutta la notte o per un giorno intero: gestitevi a seconda del tempo che avete a disposizione. Questa operazione serve per fare depositare per bene la cenere sul fondo della pentola.

Terminata questa fase di riposo del composto, usando dei guanti di gomma per le pulizie, prendere un secchio e mettervi all’interno un colino a maglie fini (magari lo stesso che avrete utilizzato per setacciare la cenere), ricoperto con uno straccio grande o un pezzo di lenzuolo scartato (l’ideale sarebbe di lino ma anche il cotone va benissimo). A questo punto, versare il contenuto della pentola, in modo da filtrare bene il tutto: nello straccio dovrà rimanere solo cenere. Strizzare quindi lo straccio molto bene e lasciare riposare il composto nuovamente per tutta la notte (o tutto il giorno).

Terminato il tempo di assestamento della cenere, procedere nuovamente con l’operazione descritta, per più giorni, sino a che il liquido ottenuto sarà il più possibile pulito dalla cenere.

Questo detergente, la lisciva, potrà essere utilizzato puro (non diluito!) in uno spruzzatore per lavare ogni superficie, dalla cucina al bagno e ai pavimenti, eccetto i vetri, il legno e il marmo.

La cenere rimasta potrà essere riutilizzata come lavapiatti o per pulire il lavello e i fornelli: è ottima! L’unica controindicazione è che potrebbe otturare gli scarichi, quindi, nel caso, buttatela via!

Estratto da "Vivere in 5 con 5 euro al giorno"



Hai un account google? clicca su:


Prodotto Consigliato
Vivere in 5 con 5 euro al giorno  Stefania Rossini   L'Età dell'Acquario Edizioni

Vivere in 5 con 5 euro al giorno

Dalla blogger low cost più famosa d'Italia

Stefania Rossini

Vivere in 5 con 5 euro al giorno…pensate che non sia possibile? Stefania Rossini, donna tuttofare, madre di tre figli, un solo stipendio (quello del marito, metalmeccanico) e un mutuo da pagare, ci indica una strada per risparmiare e vivere in modo più sobrio, ma con gioia! Una strada fatta di semplici accorgimenti e… Continua »
Pagine: 104, Tipologia: Libro cartaceo, Editore: L'Età dell'Acquario Edizioni
9,00 €
 




Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Stefania Rossini

Fare di Necessità Virtù - I primi passi del mio cambiamento 12 MAR 2014 RECENSIONI






Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione