Recensioni

In viaggio verso un sogno. Prefazione all'edizione italiana di 'Super cibi per la mente'



super cibi
'Super cibi per la mente', un programma alimentare per proteggere il cervello e rafforzare la memoria

Quando penso a come sarebbe meraviglioso poter restare in buona salute, mentalmente e fisicamente validi fino a tarda età, come medico provo un senso di frustrazione ma soprattutto di dolore e rabbia. Se ciò fosse realizzabile in poco tempo e per tutti, sarebbe un sogno. Ma a volte i sogni si avverano, giusto?

Ho passato la mia vita, professionale e personale, a contatto con persone ammalate, e non posso non chiedermi come sarebbe stata la loro vita se avessero avuto la possibilità di scegliere. Con informazioni corrette, molti di loro avrebbero probabilmente analizzato con occhio critico le proprie abitudini, e alcuni avrebbero sicuramente deciso di cambiarle, in un qualche punto del loro tragico cammino verso la distruzione fisica e mentale.

Anche chi crede sia troppo tardi, che non abbia più senso fare nulla, deve sapere che nel caso di molte malattie, come le malattie cardiovascolari, il diabete e l'obesità, non è così. La ricerca ha ormai dimostrato che semplici abitudini dello stile di vita sono in grado non solo di prevenire, ma anche di arrestare e spesso invertire il decorso di queste malattie. L'efficacia non ha paura del confronto con i farmaci e la chirurgia. I pazienti stanno meglio in poche settimane e possono ridurre, a volte persino eliminare, alcuni farmaci.

La demenza invece può essere solo prevenuta: quando si è appropriata del nostro cervello, non esiste al momento nulla in grado di farlo ritornare normale. Perciò questo saggio non sarà utile per i pazienti già chiaramente dementi. Per loro purtroppo, davvero è tardi per poter fare qualunque cosa, possiamo solo accompagnarli nella malattia, perché lasciati a loro stessi non sarebbero in grado di sopravvivere.

Questo saggio potrà invece essere di grande utilità per quelle persone che incominciano ad avere qualche piccolo problema di memoria, e che vogliono provare a frenare la progressione di questi sintomi verso una possibile demenza.

Il programma in 3 passi proposto dal dr. Barnard potrebbe davvero fare la differenza. Ma è soprattutto ai familiari dei pazienti con demenza che questo libro è rivolto. Perché possono cercare di arrestare lo sviluppo di quelle alterazioni che lentamente, inesorabilmente, accumulandosi all'interno del cervello ne compromettono il funzionamento, causando la demenza. Anche se non sanno che esiste in questa malattia una predisposizione genetica, molti figli di persone con demenza sono angosciati all'idea che essa possa impossessarsi del loro cervello, rendendoli incapaci di provare affetto, gioia, emozioni, e facendoli diventare come il loro caro. In tanti chiedono se sono a rischio, avendo un familiare colpito, e purtroppo la risposta per loro è affermativa.

Ma leggendo questo saggio, queste persone potranno scoprire che i geni coinvolti nella demenza contano fino a un certo punto. Possono essere tenuti «dormienti come semi secchi che non vengano annaffiati»: se nessuno li bagna, non germoglieranno mai, e il rovo della demenza non potrà mai crescere dentro il loro cervello.
Come?

IL PROGRAMMA IN 3 PASSI
Il dr. Barnard è famoso per aver scoperto, con il suo gruppo di ricerca, che una dieta composta da cereali, legumi, frutta e verdura, poca frutta secca, e senza l'aggiunta di grassi da condimento è in grado di curare le persone affette da diabete e da sovrappeso, e di ridurre il loro rischio cardiovascolare grazie al crollo dei valori di pressione arteriosa e di colesterolo.

I risultati delle sue ricerche hanno trovato applicazione in molti ambiti, e sono stati recentemente acquisiti anche in Italia, dove l'azienda sanitaria milanese ha redatto un documento per la diagnosi e il trattamento del diabete, che include questo tipo di dieta nelle indicazioni ai medici che seguono questi pazienti. Ora il dr. Barnard ha raccolto in questo saggio i risultati delle ricerche sulla demenza condotti in tutto il mondo da vari gruppi di ricercatori, e con un linguaggio molto semplice li presenta al lettore. Solo infatti grazie alla conoscenza di un problema e dei suoi rimedi può nascere la volontà di agire. Solo la motivazione responsabile e ragionata ha il potere di far modificare stabilmente le abitudini di vita di una persona.

Come fare allora? È semplice.

Primo, bisogna eliminare dalla dieta quelle sostanze che possono far germogliare i geni cattivi e attaccare direttamente il cervello, si tratta di alcuni metalli e dei grassi saturi. Ma non basta: il nostro cervello è esposto ad aggressioni di tutti i tipi, e dobbiamo salvaguardarlo da questi attacchi esterni con uno scudo fatto di vitamine, ad effetto antiossidante e protettivo per le strutture nervose.

In più, non in alternativa, come secondo passo bisogna mantenere in esercizio non solo la mente, ma anche il corpo. L'attività mentale e fisica è in grado infatti di proteggere le cellule nervose e mantenere funzionanti le loro connessioni.

Terzo, bisogna fare molta attenzione ad alcuni fattori che possono danneggiare il cervello: alcuni farmaci utilizzati comunemente e alcune condizioni cliniche.

SILENZIO COLPEVOLE, SPERANZA CONCRETA
È ormai assodato che l'attività fisica faccia bene al corpo e alla mente. Tra i vari interventi sociosanitari a favore degli anziani, che vengono ormai organizzati in molte città, la camminata di gruppo, i corsi di ginnastica e altri tipi di esercizio fisico vengono proposti per mantenere attive, mentalmente e fisicamente, le persone anziane.

Anche l'esercizio mentale viene accettato come rimedio per mantenere il cervello ben funzionante, ed esistono svariate iniziative, dai giochi più comuni come le carte e la dama, ad attività mentali più strutturate e progettate proprio per rinforzare le connessioni tra le cellule nervose, che permettono di mantenere allenate l'attenzione, la memoria e la capacità di trovare delle strategie per utilizzare al meglio le funzioni mentali.

Nessuno però ci aveva mai detto prima quanto sia importante quello che mangiamo tutti i giorni per mantenersi mentalmente sani. A prima vista potrebbe sembrare un'esagerazione, e il più benevolo degli oppositori potrebbe semplicemente obiettare che non ci sono sufficienti prove a sostegno di queste affermazioni. Ma cosa vuol dire «sufficienti prove»?

La certezza del 100 percento e il rischio uguale a zero in biologia non esistono. E non è nemmeno pensabile riuscire a riprodurre in laboratorio, sull'uomo, l'effetto delle abitudini di una vita per poi poter dire che «probabilmente» qualcosa funziona, oppure non funziona. Non possiamo concederci il lusso di aspettare, abbiamo solo una vita per noi. E non possiamo permettere che la nostra mente venga letteralmente erosa mentre noi, impotenti e immobili, attendiamo certezze.

L'approccio deve essere più pragmatico. Non ideologico, ma basato sul buon senso e sul principio di precauzione. Sappiamo già che la dieta ha un effetto potente su alcune malattie, lo abbiamo appena ricordato poco fa. Sappiamo, per esempio, che sul cuore e sui vasi, l'adozione di una dieta a base vegetale e con pochissimi grassi è in grado di ripulire le arterie dalle placche e di migliorare l'apporto di sangue al cuore.

Perché non dovrebbe essere lo stesso per il cervello? Perché dovrebbe rispondere diversamente a qualcosa che fa sicuramente bene (o male) al cuore? Non condividono infatti, questi due nostri padroni, tutto quello che accade nel nostro corpo?

Certo, il cervello è un organo estremamente più raffinato del cuore. Quindi è vero, serve qualcosa in più rispetto a quello che mantiene il cuore in buone condizioni, cioè l'attività mentale, ed evitare quelle situazioni che lo danneggiano o lo mandano il tilt: alcuni metalli, alcuni farmaci, alcune condizioni cliniche.

Rispetto a quel che dovremo fare per mantenere il cuore in salute, dobbiamo fare di più: ma non possiamo trascurare la base dell'intervento, cioè alimentare il nostro cuore e il nostro cervello con cibi vegetali sani: i super cibi per la mente!!!

Leggi il libro 'Super cibi per la mente'





Prodotto Consigliato
Super cibi per la mente  Neal D. Barnard   Sonda Edizioni

Super cibi per la mente

Un programma alimentare per proteggere il cervello e rafforzare la memoria

Neal D. Barnard

Questo saggio potrà essere di grande utilità per quelle persone che incominciano ad avere qualche piccolo problema di memoria, e che vogliono provare a frenare la progressione di questi sintomi verso una possibile demenza. Ma è soprattutto ai familiari dei pazienti con demenza che questo libro è rivolto. Perchè possono… Continua »
Pagine: 320, Tipologia: Libro cartaceo, Editore: Sonda Edizioni
17,10 € 18,00 € (-5%)
 




Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Redazione

Merendine e bevande, ‘senza zucchero’ non significa senza problemi 24 APR 2019 ALIMENTAZIONE
Spese mediche: in difficoltà 1 italiano su 5 8 FEB 2019 DENUNCIA SANITARIA
Burioni, Grillo e Renzi firmano patto per scienza. “Colossale presa in giro” 11 GEN 2019 DENUNCIA SANITARIA
Vaccini, D'Anna (Biologi): "Basta chiacchiere e petizioni, scienziati e istituzioni tirino fuori analisi farmacovigilanza" 3 GEN 2019 VACCINAZIONI
Un Natale sereno anche per gli animali 21 DIC 2018 ANIMALI
Anche Nature riporta la notizia delle analisi del Corvelva sui vaccini 17 DIC 2018 VACCINAZIONI
Vaccini: tutti i rapporti tra Ricciardi e le case farmaceutiche 10 DIC 2018 DENUNCIA SANITARIA
In vaccino... veritas 7 DIC 2018 VACCINAZIONI
Vaccini pediatrici. La vittoria di Kennedy contro l’HHS 5 DIC 2018 VACCINAZIONI
La vita di Timothy Field Allen [Maestro dell'Omeopatia] 30 NOV 2018 OMEOPATIA
Omeopati: "Tra visite lampo e fake news medicina perde di vista l'uomo" 5 OTT 2018 OMEOPATIA
Vaccini: non basta l’efficacia, ci vuole anche la sicurezza 3 OTT 2018 VACCINAZIONI
Genova: medico minaccia di morte figli di genitori free-vax. Codacons lo denuncia in procura e all’ordine dei medici 13 AGO 2018 VACCINAZIONI
Vaccini: Codacons pronto a denunciare l'associazione nazionale presidi 13 AGO 2018 VACCINAZIONI
L'Omeopatia fa bene allo sport 27 LUG 2018 OMEOPATIA
Vaccini: Tribunale di Roma proscioglie Codacons e Carlo Rienzi da accuse di diffamazione mosse da Ricciardi 14 GIU 2018 VACCINAZIONI
Colpo di scena: Ricciardi apre all’Omeopatia istituendo un tavolo tecnico 1 GIU 2018 OMEOPATIA
Giornata Internazionale dedicata alla consapevolezza del danno da vaccino 1 GIU 2018 VACCINAZIONI
A chi fa tanto paura l’Omeopatia? 30 MAG 2018 OMEOPATIA
"L'omeopatia e le sue prime battaglie". Intervista al prof. Paolo Bellavite 18 MAG 2018 OMEOPATIA
Sospensione dell'obbligo vaccinale: la proposta di legge diventa realtà 16 MAG 2018 VACCINAZIONI
ADHD: “Aumento di diagnosi dovuto al marketing, non alla medicina” 27 APR 2018 INFANZIA
Il sindacato degli insegnanti prepara il ricorso contro il decreto Lorenzin 21 AGO 2017 VACCINAZIONI
Vaccini: istanza in caso di invito al centro vaccinale 21 AGO 2017 VACCINAZIONI
Le analisi delle fiale dei vaccini 21 LUG 2017 VACCINAZIONI
Un’alternativa all’attuale decreto vaccini? "Ecco la nostra proposta" 14 LUG 2017 VACCINAZIONI
Decreto vaccini: interviene Franco Berrino 3 LUG 2017 VACCINAZIONI
Codacons, "un dirigente Glaxo può firmare atti pubblici?" 12 GIU 2017 DENUNCIA SANITARIA
Vaccini: il Codacons sta per svelare i documenti segreti dell'AIFA sulle reazioni avverse 29 MAG 2017 VACCINAZIONI
AIFA: antidepressivi per minori inefficaci e pericolosi 24 MAG 2017 DENUNCIA SANITARIA

Tutti gli articoli di Redazione







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione