Vaccinazioni

Un vaccino sperimentale anti-HIV ha aumentato il rischio di infezione


CATEGORIE: Vaccinazioni

Nello studio STEP, uno dei 2 studi clinici di fase II che stava valutando il vaccino sperimentale anti-HIV (V520) di Merck & Co, è stata riscontrata l’inefficacia del vaccino nel prevenire l’infezione nei volontari non precedentemente infettati con il virus HIV, e nel ridurre la carica virale nei soggetti che si erano infettati con il virus HIV nel corso dello studio clinico.Dalle analisi effettuate è emerso che tra i volontari con preesistente immunità nei confronti dell’adenovirus, impiegato come vettore per i geni sintetici di HIV nel vaccino, c’erano più infezioni nei soggetti ai quali era stato somministrato il vaccino che in quelli che avevano ricevuto il placebo.Si ritiene che gli individui che hanno ricevuto il vaccino potrebbero avere una maggiore suscettibilità a contrarre l’infezione da virus HIV, soprattutto i soggetti con più alti livelli di immunità, preesistente, verso l’adenovirus di tipo 5 (Ad5).


Esistono, tuttavia, un numero di fattori confondenti che rendono difficile trarre conclusioni a riguardo.


I partecipanti allo studio STEP, 3.000 volontari negativi al test per il virus HIV, avevano un’età compresa tra i 18 ed i 45 anni ed erano a rischio di contrarre l’infezione a causa dei loro comportamenti.Circa il 38% dei partecipanti era di sesso femminile ed il 62% di sesso maschile.


Inizialmente lo studio STEP era stato disegnato con l’obiettivo di arruolare solo volontari con bassi livelli di immunità nei confronti di AD5 ( livello anticorpale inferiore o uguale a 200 unità ), poichè questi individui erano ritenuti presentare una migliore risposta al vaccino.

In seguito, sono stati arruolati anche soggetti con più alti livelli di immunità verso Ad5, poichè i nuovi dati avevano indicato che il vaccino era immunogenico nei soggetti con alta immunità nei confronti di Ad5 (livelli anticorpali anti-Ad5 maggiori di 200 unità).


Lo studio STEP ha valutato 2 endpoint primari di efficacia:


A ) prevenzione dell’infezione da virus HIV negli individui HIV-negativi al momento di iniziare lo studio;


B ) riduzione della carica virale nei soggetti che contraggono l’infezione da virus HIV nel corso dello studio.


Dall’analisi, condotta dal DSMB ( Data and Safety Monitoring Board ), sui volontari, che avevano ricevuto almeno una dose del vaccino oppure placebo ed erano HIV-negativi all’inizio dello studio, sono emersi 24 casi di infezione da virus HIV su 741 volontari con preesistente bassa immunità nei confronti di Ad5 trattati con il vaccino, e 21 casi su 762 partecipanti nel gruppo placebo.


L’analisi di un sottogruppo di questa popolazione, ha mostrato che tra i soggetti che avevano ricevuto almeno 2 vaccinazioni e che erano HIV-negativi per, almeno, le prime 12 settimane dello studio, i casi di infezione da virus HIV sono stati 19 su 672 volontari nel gruppo vaccino ed 11 su 691 volontari nel gruppo placebo.


Inoltre il vaccino non è risultato efficace nel secondo endpoint primario di efficacia: livelli della carica virale dei volontari che si sono infettati con il virus HIV.

I livelli di RNA del virus HIV, 8-12 settimane circa dopo la diagnosi di infezione erano generalmente simili nel braccio vaccino e nel braccio placebo.


Le analisi post-hoc hanno incluso tutti i casi di infezione con il virus HIV osservati nella popolazione generale dello studio STEP. In un’analisi post-hoc, sono stati riscontrati 49 casi di infezione da virus HIV su 914 volontari di sesso maschile nel gruppo vaccino, contro i 33 casi di infezione tra i 922 volontari maschi del gruppo placebo.

Sebbene lo studio non fosse disegnato per valutare se i soggetti ad alta immunità verso Ad5, trattati con il vaccino, presentassero una maggior probabilità di contrarre l’infezione da HIV, la differenza nel numero dei casi di infezione da virus HIV tra il gruppo vaccino ed il gruppo placebo è risultata più pronunciata tra i volontari con alta immunità per Ad5.

Tra i 778 maschi che avevano preesistenti alti livelli di immunità nei confronti di Ad5 ( superiori alle 200 unità ), sono stati osservati 21 casi di infezione da virus HIV nei soggetti che avevano ricevuto il vaccino e 9 casi in quelli trattati con il placebo.



Hai un account google? clicca su:





Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Xagena

Papillomavirus: possibile associazione tra vaccinazione con Gardasil e sindrome di Guillain-Barre 4 SET 2009 VACCINAZIONI
Vaccinazione contro HIV: scoperto meccanismo mediante il quale il vaccino favorisce l’infezione da virus HIV 6 MAR 2009 VACCINAZIONI
Vaccinazione anti-papillomavirus: stato epilettico con mioclono per due ragazze vaccinate con Gardasil 23 FEB 2009 VACCINAZIONI
Il TGA ha avviato un’indagine per appurare l’esistenza di una relazione tra vaccino anti-papillomavirus Gardasil e pancreatite 7 GEN 2009 VACCINAZIONI
Anafilassi: più alta incidenza con il vaccino contro il papillomavirus che con il vaccino contro il menigococco C 5 NOV 2008 VACCINAZIONI
Vaccinazione contro il papillomavirus umano: Merck & Co ha adottato un marketing aggressivo per indurre le donne a vaccinarsi 21 OTT 2008 VACCINAZIONI
La vaccinazione delle bambine di 11 anni contro il papillomavirus è un grande esperimento di salute pubblica 15 OTT 2008 VACCINAZIONI
Malattie autoimmuni dopo somministrazione del vaccino contro il papillomavirus 15 OTT 2008 VACCINAZIONI
Papillomavirus: il vaccino quadrivalente Gardasil è associato ad eventi avversi 23 SET 2008 VACCINAZIONI
Papillomavirus: reazioni anafilattiche dopo somministrazione del vaccino Gardasil 13 SET 2008 VACCINAZIONI
Papillomavirus: il marketing aggressivo di Merck & Co 13 SET 2008 VACCINAZIONI
Più alta incidenza di anafilassi con il vaccino contro il papillomavirus rispetto al vaccino contro il menigococco C 13 SET 2008 VACCINAZIONI
Due ragazze europee morte dopo essere state vaccinate con Gardasil, un vaccino tetravalente contro il papillomavirus 18 APR 2008 VACCINAZIONI
Un caso accertato di autismo correlato alle vaccinazioni per l'infanzia 18 APR 2008 VACCINAZIONI
Vaccinazione anti-papillomavirus: 2 morti sospette dopo somministrazione del vaccino Gardasil 25 GEN 2008 VACCINAZIONI
Vaccinazione anti-HPV - Il caso Gardasil: necessità o interesse? 15 OTT 2007 VACCINAZIONI
Dubbi sui benefici della vaccinazione antinfluenzale negli anziani 10 GEN 2007 VACCINAZIONI
Canada: critiche alla vaccinazione di massa contro il papillomavirus umano 10 GEN 2007 VACCINAZIONI






Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione