Vaccinazioni

Vaccino anti-papillomavirus: lanciato un appello per la sospensione


CATEGORIE: Vaccinazioni

vaccino papilloma
Vaccino anti-papillomavirus: lanciato un appello per la sospensione

È noto che l’Italia è impegnata già da alcuni anni nella diffusione gratuita del vaccino contro il Papillomavirus, prima alle femmine adolescenti e ora anche ai maschi (in alcune Regioni).

Ci sono però molti dubbi scientifici sulla utilità e innocuità di questo vaccino, a cui si aggiungono anche grandi perplessità economiche, perché si stanno spendendo milioni di euro all’anno per questa pratica preventiva con la conseguente sottrazione di risorse ad altre necessità ben maggiori.

In questi giorni, AsSIS ha lanciato un appello per la sospensione di questa vaccinazione e ha quindi riaperto il problema.

Tra le varie perplessità scientifiche sollevate in tutto il mondo da questa vaccinazione, ricordo essenzialmente (cfr. il testo “Vaccinare contro il Papillomavirus?”):

1) Il Papillomavirus (HPV) è un virus umano molto comune che si ritrova molto facilmente nei genitali femminili, anche indipendentemente dai rapporti sessuali (può anche essere trasmesso dalla madre al neonato durante il parto).

2) Nella maggior parte dei casi l’infezione da HPV è asintomatica o produce alcune verruche cutanee o condilomi genitali; lo sviluppo di uno stadio tumorale benigno è raro e l’evoluzione verso un tumore maligno è eccezionale, rispetto la numerosità dei casi infetti.

3) Esistono circa 120 tipi di questo virus e solo 13 di essi sono potenzialmente cancerogeni, ma la loro cancerogenicità si manifesta solo in certe condizioni e in particolare se il sistema immunitario della persona è depresso.

4) In ogni caso, anche una infezione HPV con un tipo virale potenzialmente cancerogeno regredisce spontaneamente nel 90% dei casi entro 2-3 anni dalla diagnosi. In un 9% dei casi, invece, il virus convive per tutta la vita del soggetto che lo ospita senza causare disturbi (in questi casi il test per l’HPV sarà positivo, mentre il Pap-test risulterà sempre negativo).

5) Solo nell’1% dei casi può esserci la progressione dell’infezione verso una lesione precancerosa e, in una percentuale ancora inferiore e in tempi molto lunghi (anche 20-50 anni), verso lesioni cancerose vere e proprie.

6) Diversamente da quanto accade nei Paesi poveri del Terzo Mondo, dove il tumore del collo dell’utero è più frequente e quindi anche più mortale a causa di minor igiene, sistema immunitario più debole per cattiva alimentazione e assenza di controlli ginecologici con Pap-test, nei Paesi industrializzati il carcinoma del collo dell’utero da HPV è in graduale e continua diminuzione e, se ogni donna dopo i 30 anni si sottoponesse ad un semplice Pap-test ogni 3-4 anni, questo tumore sarebbe debellato, perché verrebbe diagnosticato per tempo ed eliminato con un semplice intervento ambulatoriale.

7) Il vaccino anti-HPV (sia quello bivalente che quello tetravalente) stimola il sistema immunitario a formare anticorpi contro 2 dei 13 tipi potenzialmente cancerogeni di HPV: sono i due tipi più frequenti, ma sono solo 2 e quindi l’effetto protettivo del vaccino non protegge verso gli altri 11 tipi.

8) Allo stato attuale, sono ignote l’efficacia del vaccino nell’impedire l’insorgere del tumore della cervice uterina; è ignota la durata della protezione vaccinale (con il paradosso che questa possa terminare proprio quando i soggetti vaccinati entrano in contatto con l’HPV); è ignoto se il vaccino determini una pressione selettiva sugli genotipi di HPV con la conseguente attivazione verso una maggiore o potenziale cancerogenicità; sono ignote la sicurezza del vaccino sul lungo periodo e la frequenza di eventi avversi gravi (già ampiamente documentati anche dal VAERS).

9) È ignoto il motivo per cui questa vaccinazione è stata permessa con una procedura di approvazione anticipata (a questo farmaco mancava ancora la fase III di sperimentazione e quindi era privo della dimostrazione scientifica della reale efficacia e non nocività, che è stata inspiegabilmente demandata alle ASL che lo stanno sperimentando a nostre spese sulla popolazione pediatrica).

10) Esiste il rischio di fornire agli individui vaccinati una falsa sicurezza, causando una riduzione dell’adesione all’intervento di screening con il Pap-test; intervento che è invece di provata efficacia, di minor costo in termini di riduzione dei casi e delle morti legate al tumore della cervice uterina, ma che ha il difetto di non permettere il lucro che ha invece una vaccinazione di massa.

In conclusione, la campagna pubblicitaria secondo cui il vaccino contro l’HPV sia capace di impedire lo sviluppo di tutti i carcinomi della cervice uterina, non è corretta. La pressante attività di marketing esercitata dalle Ditte produttrici, iniziata già prima dell’autorizzazione alla commercializzazione del vaccino e fattasi ancora più pressante ora, ha reso difficile una valutazione serena del problema, sia dal punto di vista scientifico che politico-sociale.


CLICCA QUI E FIRMA LA PETIZIONE



Hai un account google? clicca su:


Prodotto Consigliato
Vaccinare contro il Papillomavirus?  Roberto Gava Eugenio Serravalle  Salus Infirmorum

Vaccinare contro il Papillomavirus?

Quello che dobbiamo sapere prima di decidere

Roberto Gava, Eugenio Serravalle

Ci sono fortissime pressioni commerciali da parte delle Ditte produttrici, sia a livello politico che dei mass media, per promuovere campagne di vaccinazione di massa contro il Papillomavirus, ma a livello scientifico ci sono grandi perplessità, dubbi e preoccupazioni sul reale rapporto rischio/beneficio di questo vaccino. -… Continua »
Pagine: 240, Tipologia: Libro cartaceo, Editore: Salus Infirmorum
13,50 € 15,00 € (-10%)
 




Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Roberto Gava

3 consigli per prevenire le malattie invernali dei bambini 7 DIC 2016 INFANZIA
Alcune cose che forse non sapevi sulle allergie 14 OTT 2016 INFANZIA
Quanto è importante il sonno per la salute di tuo figlio? 10 OTT 2016 SALUTE
Acido folico: la vitamina che devi assumere in gravidanza 4 OTT 2016 INFANZIA
Vaccini pediatrici: la Federazione Nazionale dei Medici dimentica i bambini danneggiati 30 LUG 2016 VACCINAZIONI
Raccomandazioni per migliorare le vaccinazioni pediatriche. La storia di Manuel 26 LUG 2016 VACCINAZIONI
Ipertensione arteriosa: come prevenirla e affrontarla? 17 GIU 2016 SALUTE
Come sospettare e correggere una debolezza immunitaria dei nostri figli 24 MAG 2016 INFANZIA
Obesità e cancro: le conseguenze della cattiva alimentazione 16 FEB 2016 ALIMENTAZIONE
Mangiare la carne fa bene o male alla salute? 12 FEB 2016 ALIMENTAZIONE
Educazione alimentare per una corretta Igiene di Vita 8 FEB 2016 ALIMENTAZIONE
SOS Alimentazione Pediatrica: dobbiamo cambiare l’alimentazione dei nostri bambini 11 DIC 2015 ALIMENTAZIONE
La verità sugli studi sul vaccino antinfluenzale 26 NOV 2015 VACCINAZIONI
Le falsità sull'AIDS: un altro inganno della nostra "Scienza Moderna"? 4 NOV 2015 DENUNCIA SANITARIA
Vaccinazioni Pediatriche: Lettera aperta al Presidente dell'Istituto Superiore di Sanità 20 OTT 2015 VACCINAZIONI
Raccomandazioni per la Somministrazione di Diete Vegetali e Integrali nella Ristorazione Scolastica e Ospedaliera 17 OTT 2015 ALIMENTAZIONE
Perché voglio ammalarmi? 2 OTT 2015 MEDICINA PREVENTIVA
Importante riconoscimento alla Dr.ssa Patrizia Gentilini, oncologa e studiosa dei danni dell’inquinamento ambientale 30 SET 2015 SALUTE
Il vaccino Morbillo Parotite Rosolia in una ragazza di 30 anni 16 SET 2015 VACCINAZIONI
Solo la prevenzione può aiutarci contro le malattie cardiache e il cancro 11 SET 2015 SALUTE
Conoscere e prevenire le patologie cardiovascolari e il cancro: una proposta di cammino insieme 29 LUG 2015 SALUTE
Vaccini, non c'è una verità 10 LUG 2015 VACCINAZIONI
Il vaccino contro il morbillo: ecco in cosa dissento dal Prof. Garattini 3 GIU 2015 VACCINAZIONI
Ecco come la malattia ci insegna a vincere lo stress che l’aveva causata 30 MAR 2015 SALUTE
Prevenzione e terapia dello stress 25 MAR 2015 SALUTE
Prevenzione delle patologie pediatriche (parte seconda): importanza dell'ambiente per la maturazione del sistema immunitario infantile 18 FEB 2015 INFANZIA
Prevenzione delle patologie pediatriche (parte prima): permettiamo al sistema immunitario del neonato di maturare 16 FEB 2015 INFANZIA
Un augurio per l'anno nuovo: ridurre gli psicofarmaci pediatrici 1 GEN 2015 DENUNCIA SANITARIA
Alcune riflessioni sull'influenza, sul vaccino e sulla loro mortalità 7 DIC 2014 VACCINAZIONI
L'Alimentazione che può prevenire e curare le tue malattie 15 OTT 2014 ALIMENTAZIONE

Tutti gli articoli di Roberto Gava







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione